Buy in may and go away

Roberto Domenichini 3 Commenti

Come altra campana non posso che sostenere, a ragione, l’idea opposta a quella della massa.

I “guru” dell’investimento sono soliti ripetere un detto che si tramandano da generazioni per dimostrare come sia facile guadagnare in Borsa: “Sell in may and go away” (vendi a maggio e scappa via).

Il problema è che non ti dicono quando rientrare sul mercato per poter beneficiare dei grandi rialzi fino al mese di maggio.

Se però introduciamo la logica scopriamo che l’ideale sarebbe acquistare quando tutti vendono e vendere quando tutti comprano.

E in quale mese tutti dichiarano di vendere?

Maggio!

La discesa o correzione dei mercati è alle porte, anche se in Italia si è già fatta sentire, e iniziare ad acquistare qualcosina non sarebbe del tutto sbagliato. Una sorta di piano di accumulo che dura solo due mesi, maggio e giugno.

Ad ogni meno due o tre per cento del mercato si acquista una piccola quantità di azioni.

Ma Roberto vanno bene tutte?

Assolutamente no!

Perchè molte società sono destinate al fallimento. Nonostante i piani industriali presentati al pubblico degli investitori lavorano in settori dove non sono competitive.

E allora come scegliamo le azioni?

Semplice, con un poco di buon senso.

Io ad esempio non acquisto titoli che non distribuiscono dividendi perchè nel lungo periodo se scende il corso del titolo non riesco a compensarlo con i dividendi incassati e reinvestiti.

Mi piacciono molto le società high dividend come Eni per intenderci.

Ad esempio un ottimo ETF che investe sulle 30 società europee che staccano i più alti dividendi non sarebbe una scelta del tutto sbagliata.

Quando il mercato scende si innesca il meccanismo psicologico del panico e a scendere sono anche società che hanno ottimi fondamentali. Appena l’ ETF mi fa meno 2% acquisto qualche quota e così via. Tengo duro fino alla fine. Così se incappo in periodi come il 2008 il mio prezzo medio ponderato di portafoglio è accettabile. Il tutto è vero se le società hanno ottimi fondamentali e vi è una buona diversificazione. L’ETF è lo strumento giusto per prendere due piccioni con una fava.

Attualmente qualcosina la vorrei investire nel BTP emesso in $ perchè le cedole sono in linea con i tassi attuali ma il $ così forte mi sembra un poco forzato. Alla peggio se perdo in conto capitale recupero in parte o tutto con le cedole incassate.

Cosa ne pensate?

Avete qualche idea migliore delle mie?

 Roberto Domenichini per Finanza in Chiaro

 

Articoli correlati

  • Mario Botta

    ciao ragazzo, scusa del ritardo 🙂
    al momento ho solo BTP nel portafoglio che proprio oggi stò vendendo sotto i massimi perche le elezioni europee non so cosa mi riservino (riservano? correggimi).
    Per il resto non mi piace più il rischio, l’unica debolezza col DAX, ma è anche colpa tua 😉

    • Roberto Domenichini

      Ciao Botta 🙂

      Attualmente ho in portafoglio dei BTP italia, anche se sono subordinati corro il rischio.
      Ho un contratto di opzione Put sul Bund scadenza giungno e qualche quota di ETf stoxx 50 comprate tutte a prezzi diversi.

      Poi ho dei cct che uso come vasi comunicanti perchè se un titolo mi perde in pochi giorni un 30-40% vendo i cct e lo acquisto da rivendere il giorno dopo. Anche se a volte lo vendo in pari o anche in loss.

      come scalping, che oramai non faccio quasi più, uso il future dax, il bund e con la MT5 di activetrade qualche toccatina sul cambio eur/$ e $/yen.

      A proposito quei segnali che segui per il dax come stanno andando?

      Buona giornata Mario

      • Mario Botta

        Ciao Robertone,
        i segnali sul DAX in questo periodo non vanno troppo bene, eccetto stamattina che dava buy dall’ultimo massimo circa 9900. il problema è lo stop loss che se è troppo stretto lo esegue. In ogni caso stamattina la mia piattafoma (T3) era out.
        Ciao Robertone.

I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale