Filippo Taddei (Responsabile economico del Pd), la più grande figura di m… della storia

Giancarlo Marcotti 33 Commenti

Io mi chiedo se una persona normale dopo una figura di m… di questo genere possa presentarsi ancora in pubblico, fosse accaduto a me, per la vergogna, mi sarei ritirato in un eremo rifuggendo da qualsiasi rapporto col prossimo.

In breve.

Filippo Taddei è il Responsabile economico del Pd (pazzesco!!!) è ospite in studio della trasmissione Omnibus in onda su La7 e condotta da Alessandra Sardoni, l’argomento trattato è il futuro dell’euro, in collegamento da Milano il responsabile economico della Lega Nord Claudio Borghi Aquilini.

Ebbene ad un certo punto del dibattito Taddei prende la parola, riporto in corsivo virgolettate le sue testuali parole, corredate da mie considerazioni:

“Ultimo esempio storico di trasformazione di una moneta …”

Già dalle prime parole si poteva intuire la confusione che alberga nella mente di questa persona, cosa significhi “trasformazione di una moneta” lo sa solo lui, ma siamo solo all’inizi.

“… succede in Argentina, 2001 dopo che non pagano più il debito in Argentina si passa dal Pesos, che valeva 1-1 sul dollaro, quindi si rompe la parità sul dollaro e si passa a quello che era il corralito.”

?!?!?

Ma che sta dicendo?

Il corralito ?!?!?

Ma è fuori di testa? Evidentemente sì, perché proprio per togliere qualsiasi dubbio specifica:

“Il corralito è una nuova moneta.”

Il corralito è una nuova moneta?!?!? Ma questo è totalmente fuori di testa, non è solo ignorante, ma un totale analfabeta in campo economico.

Il corralito non fu altro che una legge, con validità temporanea (durò meno di un anno), approvata dal governo argentino per limitare l’abuso del contante, favorendo di fatto l’uso della moneta elettronica, quindi il corralito era una disposizione che aveva, nelle intenzioni dei governanti argentini del tempo, lo scopo di combattere l’evasione fiscale e la fuga di capitali all’estero. Come succede anche in Italia, ad una legge, viene data una denominazione, possiamo fare l’esempio del Jobs Act, legge che regola il mondo del lavoro, o il Consultellum, legge elettorale che deriva da una sentenza della Consulta.

La moneta dell’Argentina non è mai cambiata! E’ sempre stata il Pesos!!!

E vi risparmio le altre scempiaggini che Taddei ha aggiunto successivamente. Ovviamente Borghi è rimasto basito, non sapeva se ridere o piangere. Ha cercato di ribattere: “Ma cosa dice?” spiegando ai telespettatori cosa fosse il corralito, ma Taddei ha proseguito imperterrito con le sue farneticazioni, anzi accusando Borghi di essere inattendibile!

Ora, cari lettori ditemi voi, ma questo Taddei è il responsabile economico del Pd!!! Ve ne rendete conto?!?!? Siamo in mano ad analfabeti totali in campo economico!!!

Che possibilità abbiamo di risollevarci se le nostre speranze in campo economico sono nelle mani di totali incompetenti???

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

P.S. Questo Filippo Taddei nel 2013 (già allora responsabile economico della segreteria di Matteo Renzi), si era presentato all’esame per l’abilitazione da professore associato in politica economica, risultando uno dei pochi candidati bocciati. Lascio a voi ogni commento.

Articoli correlati

  • b4r0

    se il cambio passa da 1:1 a 4:1 su dollaro non è come avere una nuova moneta?
    la vera cosa penosa in questo video è Borghi che dice “l’Argentina uscita dal cambio fisso è andata meglio” dimenticando (?) di dire che ha cancellato debiti

    • Giancarlo Marcotti

      a quant’è oggi il corralito? C’è tutta la rete che si sta spanciando, visto che Crozza se n’è andato, La7 ha pensato bene di sostituirlo con Taddei.

    • Alfredo Natale

      Il corralito NON è una moneta. Rimanga chiaro. L’Austral era una moneta ed aveva un cambio fisso di 1:1 sul dollaro, e poi cessò di esistere per essere rimpiazzata di nuovo dal peso.
      Poi Borghi ha mostrato con una tabella come il PIL pro capite dell’Argentina si sia triplicato dalla fine della crisi. Il debito pubblico dell’Argentina adesso ammonta al 40% del PIL (in Italia è il 130%). Mi pare che abbiamo le idee poco chiare.

      • b4r0

        Si soprattutto te che non dici che il debito è stato cancellato

        • Alfredo Natale

          Allora, il debito non si “cancella”, se non si riesce a pagarlo o va rinegoziato oppure si dichiara il default come l’Argentina ha fatto 15 anni fa. Ovviamente si parlava di debiti contratti in valuta estera (dollari ad es.).

          • b4r0

            Quindi dobbiamo augurarci un default?

          • Alfredo Natale

            Non ti saprei dire, quello che rimane chiaro è che se permane la situazione attuale l’Italia non andrà mai in default (anche per il fatto che l’Europa non lo permetterebbe), però il debito pubblico continuerà ad aumentare anno dopo anno…

          • b4r0

            cioè la situazione del cambio fisso?

    • Willie McBride

      Forse lei, gentile b4r0, non ha ben chiaro il punto fondamentale della questione: l’Argentina nel 1992 ha agganciato la sua moneta con un cambio fisso al dollaro. Dopo 10 anni la situazione si è fatta insostenibile, l’economia era sull’orlo del baratro (1992 crisi dello SME anyone?) così sono stati costretti a sganciare il peso.
      Il punto dunque non è quanto doloroso sia stato farlo, ma che siano stati costretti a farlo, pena il disastro.

      • b4r0

        Tutto può essere, come forse lei, gentile Willie, non ha ben chiara la differenza tra causa ed effetto

        • Willie McBride

          Con questo suo commento vagamente criptico intende forse che una crisi esterna ha costretto l’Argentina a sganciare il cambio dal dollaro? Senza dubbio. Infatti, è proprio questo il problema. Per l’Italia sarà lo stesso.

          • b4r0

            “esterna”? sì, allora sono stato troppo criptico

    • Eisenzahn

      La lura italiana passò da 621 lire x USD nel 72 a 2100 nell’84….non abbiamo avuto una nuova moneta…o no ??

      • b4r0

        Capisco che in mancanza di argomenti sensati faccia comodo buttarla in caciara, ma, moneta o no, qualcuno davvero ha così tanto disprezzo per l’intelligenza da voler sostenere che l’Argentina è il modello a cui dobbiamo ispirarci?

  • lele

    Credo che neppure tu abbia le idee chiare sul “corralito”. Vero che era un provvedimento temporaneo, ma lo scopo era di impedire il panico e il prelievo del contante dal sistema bancario al tracollo. Poneva, infatti, un limite alla possibilità di prelevare o utilizzare il denaro dei depositi bancari.

    • Alfredo Natale

      Guarda che l’articolista ha scritto proprio quello 😉

      • lele

        No, non esattamente. La descrizione si presta a qualche equivoco. L’emergenza, in quel frangente (si parla del 2001), non era certo l’evasione fiscale e la misura consisteva in un tetto massimo di contante disponibile per evitare il panico che avrebbe indotto la popolazione a lasciare un sistema bancario, di fatto collassato, senza liquidità, nel tentativo di salvare il salvabile e sollevando però ondate di protesta popolare (i cacerolazos) della classe media.

        • Alfredo Natale

          Pensavo che ti riferissi al provvedimento in se, comunque, si, chiaramente sono i motivi che citi che portarono alla sua introduzione. Assolutamente d’accordo.

  • Vincesko

    Rileva anche un’incoerenza di Taddei. Ha criticato l’introduzione dell’imposta patrimoniale, ma egli, prima di passare con Renzi come responsabile economico del PD, fu l’estensore del programma di Pippo Civati alle elezioni primarie, che la contemplava.

  • Giacomo Innocenti

    Nel luglio 2015 questo servo dei servi ha sentenziato:
    “Dobbiamo abituare la gente che l’istruzione sarà molto più lunga e
    costosa, le assunzioni a tempo indeterminato molte di meno, i tempi di
    lavoro più lunghi, i pensionamenti verranno posticipati. Le riforme non
    hanno solo un fine economico, ma anche e soprattutto sociale perché
    servono a modificare la mentalità lavorativa degli italiani”

  • manuel

    Finché abbiamo giornalisti che nello scrivere articoli per ridicolizzare gli errori marchiani altrui scrivono che la moneta argentina è il pesos non vedo di cosa ci si debba stupire.

    • olly

      E quale sarebbe secondo te? Sentiamo un po’

      • manuel

        non secondo me ma secondo tutti e’ il PESO. Va bene che per parlare spagnolo basta mettere S a capocchia ma cosi’ mi pare troppo. Non si disturbi a scusarsi, io la perdono.

        • olly

          Non devo scusarmi di nulla. A me piace capire gli altri. Lei mi ha risposto e quindi basta così. Punto

          • sì comunque PESOS è semplicemente il plurale di PESO.

          • manuel

            Giovanni Parisi che fa, prima commenta e poi cancella?

        • è arrivato il fenomeno: PESOS = plurale di PESO (come DOLLARS plurale di DOLLAR, LIRE plurale di LIRA, PESETAS plurale di PESETA)

          avesse detto PESETA, errore che commettono in tanti, avrei capito.

          guarda a che s’attacca sto qua… ahahahahah

  • b4r0

    Tutto può essere, come puô essere che forse lei, gentile Willie, non ha ben chiara la differenza tra causa ed effetto

  • cp

    ma lo staff della trasmissione ci mette tanto a fare una ricerca google sul “corallito” e ripristinare un tantino di verità? ma che giornalismo è? uno dice una cosa falsa ed il giornalista zitto, attento solo al rispetto dei tempi di parola. Se facessero il loro mestiere avremmo politici competenti, o almeno attenti a ciò che dicono per non essere sput….ti in diretta

    • manuel

      Certo che ne pretende di cose lei eh, addirittura la giornalista preparata vuole…

      • cp

        figurati, mi basta che sappia fare una ricerca su google

    • akeem

      se uno della lega dice blu allora sicuramente è rosso; non c’è bisogno di controllare da nessuna parte. io mai stato della lega ma bisogna riconoscerlo. comunque se non ci fosse stato questo giornalismo (al 99%) sia di destra che di centro che di sinistra, non saremmo dove siamo

  • Francesco

    Solo una precisazione sul post scriptum. Taddei non fu uno dei pochi candidati bocciati. Furono moltissimi in quella tornata concorsuale. La particolarità è che il “nostro” si presentò al concorso con un semplice articoletto scritto quando faceva il fenomeno in qualche università statunitense. Quando anche le pietre sanno che per presentarsi a un concorso come professore associato devi produrre una se non due monografie (libri). Questo dimostra la vera natura del soggetto: arrogante e cialtrone. Come tutti i renziani doc.

I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale