Piazza Affari torna a salire, ma i bancari sono una zavorra

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Torna il segno più a Milano

Mediaset e Mediolanum sugli scudi, bene Moncler e fantastica Fiat Chrysler. Solito record per Brembo. In calo i titoli del comparto bancario.

Era partita male la giornata a Piazza Affari, ma ben presto il nostro indici principale recuperava le perdite e tornava sulla parità, a quel punto non restava che attendere Wall Street per capire quale strada prendere.

Il buon inizio della Borsa americana portava ottimismo ed il Ftse Mib (+0,32%) arrivava a superare quota 19.500 punti, sul finale della seduta in Europa uno storno improvviso ed inatteso degli indici a stelle e strisce, a seguito delle parole di Trump, portava ad un ridimensionamento dei guadagni anche nel Vecchio Continente.

Il nostro indice di riferimento è stato frenato ancora dalle vendite che hanno colpito il comparto bancario, il mercato non si fida ed ecco che Bper (-2,42%), per la prima volta nel 2017, davanti alla performance YTD presenta il segno meno. In calo anche Banco BpM (-2,23%) per la terza seduta consecutiva ed Unicredit (-2,01%) che da inizio anno lascia sul terreno circa quattro punti percentuali.

Giornata mediamente negativa anche per le utilities: in calo Italgas (-1,37%), Terna (-1,25%), Atlantia (-0,76%) e Snam (-0,42%), si salvano dalle vendite invece Enel (+0,34%) e soprattutto A2A (+1,70%).

Contrastati anche gli assicurativi, giù Generali (-0,64%) mentre salgono Unipol (+1,08%) ed UnipolSai (+1,06%).

In vetta ai rialzi le società di Silvio Berlusconi, torna in voga Mediaset (+5,87%), ma mette a segno l’ennesimo exploit anche Banca Mediolanum (+4,06%) giunto a livelli davvero di eccellenza.

Terzo gradino del podio per Moncler (+3,24%) che precede una sempre più incredibile Fiat Chrysler (+3,15%), l’azienda anglo-olandese conclude le contrattazioni sul massimo di seduta inanellando il nono rialzo di fila. Da inizio anno, quindi in otto sedute ha messo a segno un guadagno superiore ai 20 punti percentuali!

Completa la giornata positiva del risparmio gestito Azimut (+3,09%), in guadagno anche Finecobank (+0,64%).

Da segnalare poi gli ottimi rimbalzi di Saipem (+2,64%), Recordati (+2,35%), Luxottica (+2,29%) e Telecom Italia (+2,17%).

Quasi una formalità l’ennesimo massimo storico di Brembo (+1,49%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Sei un appassionato di trading?

Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/

Articoli correlati

I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale