15/11/2007 – ANCORA MALE LE BORSE

APT Commenta per primo

Giornata negativa per le Borse del Vecchio Continente, Parigi – 0,9%, Londra – 1,1%, Francoforte – 1,5%.

Da questo punto di vista il nostro S&PMIB (-0,4%) sembra aver limitato le perdite, ma occorre ricordare che l’indice Allstars ha chiuso con un -2,0%. Anche questo è un segnale che non si è ancora tornati alla normalità, la volatilità resta troppo elevata, alcuni titoli vengono penalizzati oltre misura.

L’indice principale oggi è stato sorretto da Unicredito (+0,68%) anche se le variazioni migliori sono di AEM (+2,9%), Finmeccanica (+2,5%) e Parmalat (+1,6%).

Le vendite hanno colpito principalmente Mondatori (-4,9%), Banco Popolare (-4,1%), Fondiaria (-3,9%), Prysmian (-3,3%), Saipem (-3,1%) e Italcementi (-2,7%). Le variazioni così rilevanti su titoli assicurativi, da sempre considerati difensivi, sono difficilmente spiegabili, mentre i timori per un più che probabile rallentamento economico sono fondati.

La situazione è ulteriormente complicata dal fatto che l’inflazione alzerà un po’ la testa alimentata anche da rivendicazioni sindacali di carattere economico. Ribadiamo la nostra opinione che nonostante il timore per un aumento generalizzato dei prezzi si dovrebbe salvaguardare la crescita, unico vero motore dell’economia.

Dato che domani è la giornata della risposta premi sarebbe auspicabile che la diminuzione odierna fosse determinata da questo fattore tecnico, per il momento possiamo solo sperarlo, domani avremo il responso.

Un saluto ai lettori di Finanza In Chiaro.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale