16/11/2007 – L’EUROPA AFFONDA, PIAZZA AFFARI NO

APT Commenta per primo

Gli indici americani non riescono a tenere, e virando in negativo fanno affondare anche tutte le piazze europee che per tutta la giornata erano comunque state deboli.

E’ la nostra Piazza Affari l’unica che chiude, anche se di poco (+0,23%), in positivo, ancora una eccessiva volatilità con titoli in forte crescita ed altri in deciso calo.

A sorreggere il listino oggi è ENI (+2,7%), anche se la palma di miglior variazione spetta a MPS (+3,4%) che recupera dai minimi dei giorni scorsi chiudendo a 3,7525 euro, bene anche Mediobanca (+2,6%) nel giorno della riunione per la governance di Generali (+0,9%), bene anche Tenaris (+2,2%), Snam Rete Gas (+1,5%) e Telecom Italia (+1,4%) vicina alle nomine dei vertici.

Tra i negativi si segnala Impregilo (-4,1%), Saipem (-3,7%) ed ancora Banco Popolare (-2,5%) all’ennesima batosta, male anche Fiat (-3,2%) alla quale non ha giovato il premio di Auto dell’Anno per la nuova 500, solito segno negativo per Italcementi (-2,8%) e Unicredito (-1,8%).

L’auspicata risalita che avevo invocato nel commento di apertura non c’è stata, anche se si è chiuso con l’S&PMIB a 38.535 in crescita rispetto all’apertura, ma Wall Street è la piazza alla quale tutti guardano per vedere la direzione che prenderà il mercato e la crisi del credito non è ancora superata.

Un saluto ai lettori di Finanza In Chiaro.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale