Ancora acquisti sui mercati borsistici

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Con Francoforte superstar

Bene i bancari ed i petroliferi, contrastati gli assicurativi e le utilities, in calo il risparmio gestito. Record storici per Italgas, Atlantia, Exor e Recordati.

Parte bene la settimana sui mercati borsistici, in Europa tutti i principali indici hanno terminato la seduta in guadagno. La buona apertura di Wall Street, poi, è stata determinante per far tornare gli acquisti.

Il Dax30 (+0,3%) di Francoforte ha fatto segnare l’ennesimo record storico sulla scia del successo elettorale della Sig.ra Merkel, è chiaro che lo status quo non fa che avvantaggiare l’economia tedesca ed a loro questa situazione va più che bene, quindi perché cambiare?

Sia ben chiaro che i tedeschi fanno benissimo a votare la Merkel perché finché la Cancelliera riesce a procrastinare l’attuale egemonia teutonica ed i “partner” europei, francesi ed italiani in primis, sono talmente stupidi da non ribellarsi, la Germania non hanno alcun interesse al cambiamento.

Ma diamo come di consueto uno sguardo al nostro Ftse Mib (+0,60%) ed in particolare ai titoli che si sono maggiormente mossi.

Debole il risparmio gestito, sul fondo troviamo oggi Finecobank (-1,56%) e Banca Generali (-1,17%), in rosso anche Banca Mediolanum (-0,07%) mentre si salva solo Azimut (+0,10%).

Contrastate le “sorellastre” Unipol (-1,00%) ed UnipolSai (+1,11%), la concorrente Generali (+0,61%) interrompe la striscia negativa.

Continua il trend rialzista di Italgas (+3,22%) che conclude la seduta sul massimo di giornata stabilendo nel contempo anche il record storico a quota 4,614 euro.

Il posto d’onore va a Bper Banca (+2,75%), giornata positiva per tutto il comparto: Banco BPM (+1,36%), Ubi Banca (+1,00%), Intesa Sanpaolo (+0,50%), Unicredit (+0,41%) e Mediobanca (+0,38%).

Ed a proposito di nuovi record storici da segnalare anche quelli di Atlantia (+2,48%), Exor (+1,30%) e Recordati (+0,30%).

Ottima giornata anche per i petroliferi, tornano a salire Tenaris (+2,18%), Saipem (+1,43%) ed Eni (+0,74%) che conclude la seduta a quota 15 euro tondi tondi.

Bene infine la galassia Agnelli, di Exor abbiamo già detto, han prevalso gli acquisti anche su Fiat Chrysler (+1,50%) e Ferrari (+1,24%), si stabilizza invece Cnh Ind. (-0,10%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Video
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale