Merrill Lynch: defenestrato il Direttore Generale Stan O’Neal.

Merrill Lynch: defenestrato il Direttore Generale Stan O’Neal.

Tutta la verità.

 Stan O’Neal è stato “dimissionato”. Se ne va con una super liquidazione di 160 milioni di dollari. Travolta dalla crisi dei “ subprime”, la banca d’affari ha accusato nel terzo trimestre i peggiori risultati del settore.

Il Direttore Generale della banca d’affari Merrill Lynch, Stan O’Neal, ha lasciato il suo incarico nella giornata di martedì. Paga per i risultati disastrosi del gruppo investito dalla crisi dei mutui “subprime” e per una gestione tirannica del potere che hanno condotto ad un’insanabile frattura all’interno del Consiglio di Amministrazione.

 “ Il Presidente O’Neal ed il Consiglio si sono trovati d’accordo sulla necessità di un cambio di guida” è stato il laconico commento della banca. Al momento la scelta del successore è caduta su Alberto Cribiore, membro del Consiglio d’Amministrazione del gruppo, al quale è stato affidato l’incarico di presidente non esecutivo ad interim.

La banca infatti sta valutando candidature interne o esterne.

 I disastrosi risultati del gruppo di questi ultimi mesi accompagnati dalle perdite record del terzo trimestre ammontanti a 8 miliardi di dollari spiegano i motivi della partenza di O’Neal, spinto alle dimissioni dai suoi stessi amministratori.

Da notare che buona parte del CdA in carica era stato nominato proprio dall’ex presidente.

Ad avere ragione definitivamente della pazienza del CdA è stata l’ultima iniziativa di questo super manager dal carattere notoriamente difficile. La settimana scorsa l’ex presidente aveva contattato di sua iniziativa i vertici della banca Wachovia in vista di un’eventuale fusione, senza consultare i suoi amministratori. Invitato a dare spiegazioni, O’Neal aveva smentito l’ipotesi di una fusione con un’altra banca, mentre autorevoli voci di mercato continuavano a dare per certo questo scenario. Addirittura gli analisti della Deutsche Bank stimavano ancora lunedì in 100/120 dollari il prezzo di acquisto per ogni azione Merrill Lynch.

Secondo quanto evidenzia un documento fornito alla SEC, O’Neal avrebbe intascato una buonuscita di 200 milioni di dollari nella eventualità di una fusione della Merrill con un’altra banca.

I guai in casa Merrill però non sembrano finire. Secondo la sua grande rivale Goldman Sachs sono in arrivo altre brutte notizie: il quarto trimestre dovrebbe chiudersi con altre ingenti perdite. Si parla di 4,5 miliardi di dollari. Senza contare i dubbi sul futuro della dirigenza. “ Chi prenderà il posto di O’Neal?”- si chiedono in molti analisti. Pare che i candidati sia interni che esterni finora considerati non abbiano certo il profilo carismatico e professionale dell’ex presidente.

www.finanzainchiaro.it

[email protected]