PROVE TECNICHE DI FEDERALISMO, OVVERO IL RESOCONTO IN CHIAVE FARSESCA DELL’ULTIMO CONSIGLIO DEI MINISTRI.

Il Consiglio dei Ministri, nell’ultima seduta, ha stanziato “ un budget di 55 milioni di euro annui, per la stabilizzazione dei 3.200 precari ASU del comune di Palermo, nonché dei 182 dipendenti di “ Palermo lavora”. Una ulteriore prova della sensibilità manifestata dal Governo Berlusconi, da sempre vicino alle problematiche occupazionali della Regione Sicilia ed in particolare della città di Palermo“.

Reggetevi forte, arriva il resto.

 “Il Presidente ha sottolineato l’impegno del Sindaco Diego Cammarata, il quale ha consentito l’avvio del percorso di stabilizzazione degli oltre seimila precari ereditati dalle Amministrazioni precedenti“.

Le Amministrazioni precedenti?

Forse è opportuno ricordare che il Dott. Cammarata è Sindaco dal 2001, e prima di lui c’era il Commissario.

Non voglio affondare la lama nella ferita, ma solo proporvi l’esame dei dati Unioncamere pubblicati recentemente da « Il Gazzettino»:

 "… il confronto fra i dipendenti delle Regioni Veneto (2.913 persone, per un costo di 85 milioni l’anno) e Sicilia, dove le persone in busta paga sono oltre 18mila, che allo Stato costano la ragguardevole cifra di 540 milioni di euro».

Forza Ministro Brunetta… dica qualcosa!

E fosse finita qua!

Il 17 settembre sarà firmato il contratto tra il Ministero dello Sviluppo Economico e il Consorzio Turistico Siciliano ‘Scarl’ .

48 milioni di euro per 8 nuove strutture alberghiere in Sicilia

Un sistema integrato di servizi turistici che comprende otto progetti di strutture alberghiere nelle province di Agrigento, Catania, Messina, Palermo e Trapani per un investimento complessivo superiore ai 48 milioni di euro, dei quali circa 16 milioni a carico dello Stato e poco più di 7 milioni a carico della Regione. Il piano progettuale, che coinvolge otto società del settore, prevede il ripristino di un’antica e storica struttura nel centro di Taormina, la realizzazione di cinque nuovi complessi alberghieri e l’ampliamento di due impianti nelle province di Trapani e Messina. L’incremento occupazionale previsto è pari a 600 unità lavorative. ( Fonte Travelnostop).

 Credetemi tutto questo non mi stupisce.

No, quello che mi chiedo, più che altro, è:

– La Lega dov’era mentre si stanziavano tutti questi milioni?

– Perché non ha protestato?

– E Radio Padania ha informato i propri ascoltatori?

– E’ questo il federalismo del Ministro Tremonti: stanziare 55 milioni per assumere gente al Sud, mentre il  Nord annaspa!!!

– Calderoli dica qualcosa di leghista!

 – Maroni, la pianti di dar la caccia ai Rom e protesti!

 – Bossi! Basta con l’Inno! Piuttosto ne dica qualcuna delle sue?

 … Altrimenti la « Gente» comincia a pensare male. Io già lo faccio.

Jules Previ per Finanzainchiaro

Redazioneonline- Osservatorio Nazionale