Borsa: Milano parte bene, ma finisce male

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Continua il momento difficile per le Borse

Salvatore Ferragamo in vendita dopo la scomparsa della capostipite? La Borsa ci crede. Fiat sale dopo la cessione di Marelli. Male Banche, petroliferi  e risparmio gestito.

Borsa milanese euforica all’apertura, e gli analisti di Borsa, unanimi, attribuivano l’ottima performance di avvio (+1,8%) a … Moody’s. Tutti a dire che la bocciatura, dopotutto, non era una vera e propria bocciatura, eravamo stati soltanto rimandati … a maggio, o a settembre.

Insomma il miglioramento dell’outlook (da negativo a stabile), avrebbe galvanizzato gli investitori che quindi sembravano intenzionati a “ricoprirsi”. L’entusiasmo, a Piazza Affari, tuttavia, ha avuto breve durata.

Le vendite fin dalle prime battute non si son fatte attendere, il nostro indice principale tentava di rimanere al di sopra della linea della parità sperando in Wall Street, ma la Borsa americana non dava segnali confortanti in apertura, ed ecco che per il nostro Ftse Mib (-0,60%) si materializzava nuovamente la discesa anche sotto quota 19.000 punti.

In rosso anche Parigi (-0,6%), Londra (-0,1%) e Francoforte (-0,3%), ed al momento a New York non si salvano dalle vendite neppure il Dow Jones e lo S&P500, solo il Nasdaq resiste in territorio positivo grazie alla buona lena dei titoli FAMGA (Facebook, Apple, Microsoft, Google ed Amazon).

A Milano i titoli del comparto  bancario,  petrolifero e del risparmio gestito hanno affossato il nostro indice di riferimento, sul fondo finisce Bper Banca (-3,65%) seguito da Banco BPM (-3,12%) al nuovo minimo storico.

Segni meno e frecce rosse non hanno risparmiato neppure Ubi Banca (-2,18%), Unicredit (-1,93%), Mediobanca (-1,80%) ed Intesa Sanpaolo (-0,84%).

Pesanti vendite hanno colpito poi Banca Generali (-2,47%) ed Azimut (-2,29%) e lasciano sul terreno oltre due punti percentuali anche i petroliferi Tenaris (-2,25%) e Saipem (-2,19%).

Ma concludiamo dando un’occhiata alla parte alta della classifica. La scomparsa di Wanda Ferragamo, moglie del fondatore dell’azienda, ha riacceso la speculazione sul titolo Salvatore Ferragamo (+7,44%). La famiglia detiene i due terzi del capitale, ma da tempo si vocifera di offerte arrivate dall’estero, offerte che i figli di Wanda, a capo dell’azienda, starebbero valutando con interesse.

La vendita di Magneti Marelli ai giapponesi ha poi inizialmente galvanizzato il titolo Fiat Chrysler (+2,98%) per qualche minuto bloccato in apertura, alla fine, tuttavia, il rialzo non è stato eclatante.

Terzo gradino del podio infine per Italgas (+1,57%) che da qualche seduta manda segnali di ripresa.

Insomma, inutile negarlo, la partenza aveva creato grandi aspettative, alla fine, invece, ci siamo ritrovati nuovamente a leccarci le ferite.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro          

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale