Borse ancora in calo

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Deutsche Bank zavorra Francoforte

Le utilities e la solita Azimut riescono a contenere il calo a Piazza Affari. Sul fondo Cnh Industrial e Saipem. Incerta Wall Street

Sembrano più seduta di “assestamento”, nessun calo importante se si esclude alcuni titoli sulla Borsa di Francoforte (-0,8%).

Parigi (-0,3%) e Londra (-0,2%) limitano i ribassi, mentre sul Dax pesa ancora il crollo di Deutsche Bank (-4,2%) anche se il peggiore titolo di giornata è risultato Fresenius Medical Care (-5,5%).

Anche il nostro Ftse Mib (-0,41%) non è sfuggito alle vendite, si son salvate le utilities ed il solito Azimut (+2,06%) che ha consolidato quindi la netta leadership nella classifica dell’anno (+97,9%).

Nuovo record storico per Nexi (+1,35%), che tuttavia, come sapete, è un titolo quotato soltanto da meno di tre mesi.

Terzo gradino del podio per A2A (+1,01%) che non faceva segnare valutazioni simili dal gennaio del 2008!!!

A seguire le altre utilities: Snam Rete Gas (1,00%), Terna (+0,76%), Atlantia (+0,64%) ed Italgas (+0,56%) che ritocca anche il proprio record storico pur terminando la seduta piuttosto distante dal massimo di giornata.

Di tutt’altro spessore i ribassi, sul fondo Cnh Industrial (-3,23%) che interrompe così un eccellente trend rialzista.

Respinto di nuovo l’attacco a quota 4,5 euro da parte di Saipem (-3,22%) ed immediato dietro-front di Pirelli (-2,53%).

Best performer ieri, in calo oggi Juventus (-2,26%) rimane in area 1,5 euro, mentre finisce sul minimo di giornata Salvatore Ferragamo (-2,15%).

A New York intorno alla parità lo S&P500, in leggero rialzo il Nasdaq, mentre perde quasi mezzo punto il Dow Jones (-0,4%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale