Borse: ancora un nulla di fatto

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Listini europei poco mossi

Continua a volare Azimut best performer anche di giornata. Ancora su Juventus e Finecobank. Bene i bancari. In calo Ferrari e Pirelli.

Ancora una seduta interlocutoria per le Piazze borsistiche europee, con i principali indici azionari che terminano la prima giornata dell’ottava con variazioni decisamente contenute, un’ottava che, come noto, sarà un po’ più breve (il Venerdì Santo la Borsa italiana rimarrà chiusa) .

Poco sotto la parità Londra (-0,0%), poco sopra Parigi (+0,1%) e Francoforte (+0,2%).

A Piazza Affari il nostro Ftse Mib (+0,16%) è rimasto praticamente sempre sopra la linea della parità, ma dopo l’apertura debole di Wall Street ha ridotto sensibilmente i guadagni.

Positivo il settore bancario, anche se i guadagni nella prima parte di giornata erano ben più significativi, il miglior titolo del comparto è risultato Bper Banca (+2,64%) che si avvicina a quota 4 euro, un livello che aveva toccato l’ultima volta nello scorso mese di settembre.

Bene anche le altre due popolari: Ubi Banca (+1,73%) e Banco BPM (+1,66%), più modesti i guadagni delle Big: Intesa Sanpaolo (+0,77%), Unicredit (+0,66%) e Mediobanca (+0,59%).

Nelle parti alte della classifica ci sono poi tre titoli che in questo 2019 stanno facendo registrare performance da favola, a partire dal best performer di giornata e dell’anno, Azimut (+2,74%) (+73,0%YTD), poi Juventus (+2,19%) (+60,6%YTD) al nuovo massimo storico e Finecobank (+2,10%) (+41,1%YTD).

In casa Agnelli bene anche Cnh Industrial (+1,19%), Exor (+0,77%) e Fiat Chrysler (+0,72%). Se va bene il calcio non altrettanto si può dire per la Formula 1, per questo Ferrari (-1,35%) e Pirelli (-1,36%) oggi le troviamo in fondo alla classifica.

Molto bene Leonardo (+1,86%) che si avvicina a quota 11 euro, livello che gli era stato fatale nello scorso mese di ottobre.

Naturalmente ha pesato sul nostro indice principale il calo di Eni (-0,92%), vendite ancora più significative su Saipem (-1,13%), mentre si è salvata Tenaris (+0,52%).

Al momento i principali indici di Borsa a New York viaggiano sotto la linea della parità, il DJ e lo S&P500 scendono di tre decimi di punto percentuale, mezzo punto invece il calo del Nasdaq.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro          

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale