Borse: bene l’Europa grazie al calo dell’euro

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Draghi che fai?

Volano le Popolari, exploit di Banco BPM. Bene anche i titoli del comparto petrolifero ed industriale. Soltanto Fiat chiude con un ribasso.

Settima seduta di fila nella quale scende il cross Eur/Usd,  e finalmente il cambio euro dollaro torna sotto quota 1,13. Quindi che significa? Beh che il mercato scommette su altri interventi di Draghi.

Le quasi imminenti elezioni continentali, o meglio, i sondaggi che arrivano dai diversi Stati dell’Unione devono avere indotto il Presidente della Bce ad allargare nuovamente i cordoni della Borsa.

Ed ecco allora le performances dei principali indici di Borsa del Vecchio Continente: Londra (+0,8%), Francoforte (+1,0%) e Parigi (+1,1%), tutto ciò mentre al momento Wall Street è contrastata con il DJ e lo S&P500 di poco sotto la linea della parità, solo il Nasdaq rimane frazionalmente positivo.

Il nostro indice principale ha sfiorato la seduta “all green”, soltanto Fiat (-0,38%), infatti, fra i quaranta titoli che compongono il Ftse Mib (+1,21%) ha concluso le contrattazioni al di sotto della linea della parità.

In luce il comparto bancario, due Popolari hanno occupato i primi due gradini del podio, exploit di Banco BPM (+7,03%) che ha ora come primo obiettivo il ritorno su quota due euro, e Bper Banca (+4,15%) che con il sesto rialzo nelle ultime sette sedute ha fatto tornare in positivo anche la performance YTD.

Terzo gradino del podio per Azimut (+3,98%) che rimbalza su quota 11 euro inviando un buon segnale rialzista dopo alcune sedute di assestamento.

Probabilmente la vittoria in campionato ha giovato a Juventus (+3,07%) che riconquista subito quota 1,3 euro.

Completa la giornata brillante del comparto Ubi Banca (+2,96%) che rimane tuttavia il titolo peggiore (-13,5%) nell’anno in corso.

Bene anche i petroliferi con Tenaris (+2,10%) e Saipem (+2,03%) e gli industriali con Stmicroelectronics (+2,84%) e Cnh (+2,20%).

Da segnalare infine l’ottima performance di Italgas (+2,03%), dopo tre sedute ribassiste di seguito ecco il puntuale rimbalzo che fa tornare il titolo nei pressi dei propri massimi assoluti.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale