Borse in calo. E’ solo colpa di Trump?

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Mercati in … alleggerimento

Salgono MPS e Mediobanca, ma si salvano in pochi. Piogge di vendite su Cnh Ind. Stm e Ferrari, ancora giù i petroliferi.

Una settimana al voto negli Stati Uniti e qualcuno comincia ad agitarsi, le società di brokeraggio comunicano ai propri clienti che alzeranno i margini in vista di un periodo di alta volatilità. Gli ultimi sondaggi danno Trump in risalita e nonostante l’intero establishment sia schierato con la Clinton il risultato delle urne potrebbe essere sorprendente.

Londra lascia sul terreno mezzo punto percentuale, Parigi quasi un punto e Francoforte l’1,3%, sul Dax si salva dalle vendite solo Bayer ed ancora una volta sul fondo troviamo Deutsche Bank (-4,3%), dopo aver recuperato molto dai minimi di settembre il colosso bancario tedesco sembra di nuovo in difficoltà.

In una simile situazione non poteva salvarsi Piazza Affari, l’indice principale della Borsa milanese, il Ftse Mib (-1,32%) non è stato penalizzato solo dai titoli del comparto bancario, due dei quali hanno terminato la seduta addirittura in territorio positivo, ma hanno pesato alcune prese di profitto che hanno riguardato in particolare Cnh Ind. (-5,30%), Stmicroelectronics (-3,91%) e Ferrari (-2,77%).

Han lasciato sul terreno oltre due punti percentuali anche Atlantia (-2,55%), Banca Mediolanum (-2,22%), Prysmian (-2,21%), Yoox Net-a-Porter (-2,18%) e Recordati (-2,17%).

Quindi nessun titolo del comparto bancario ha perso più del due percento, le vendite si sono indirizzate su Ubi Banca (-1,83%), Unicredit (-1,77%) e Banco Popolare (-1,60%). Frecce verdi per Banca MPS (+0,74%) e Mediobanca (+0,67%), completa il podio A2A (+0,40%), si sono salvate dalle vendite anche Leonardo-Finmeccanica (+0,18%) e la “rookie” Brembo (+0,09%).

In questo momento gli indici americani viaggiano sotto la parità di oltre mezzo punto percentuale, il Dow Jones viene chiamato ancora a difendere quota 18.000 punti, l’esito elettorale sarà certamente un punto di svolta.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale