Borse europee in difficoltà, pesanti vendite a Francoforte

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Piazza Affari limita le perdite

Luxottica titolo del giorno dopo l’ok dell’Ue alla fusione con Essilor. Contrastati i titoli bancari. Sul fondo Stm, male la galassia Agnelli.

Il nostro indice principale peggiora sul finale, ma comunque fa segnare il ribasso più contenuto fra i listini del Vecchio Continente. La giornata è stata particolarmente pesante per il Dax (-2,0%) di Francoforte, più contenuti i cali del Cac (-1,1%) di Parigi e del Ftse100 (-0,8%) di Londra.

Il nostro Ftse Mib (-0,70%) ha beneficiato del gran balzo di Luxottica (+5,15%) dopo il semaforo verde arrivato da Bruxelles alla fusione con Essilor, nasce quindi un super colosso mondiale dell’occhialeria. Il titolo in intraday era arrivato a toccare anche quota 53 euro per poi far segnare in chiusura 51,9 euro, che rimane comunque il miglior fixing del 2018.

Conferma il rimbalzo della vigilia Salvatore Ferragamo (+1,43%) e completa il podio Bper Banca (+1,19%).

La giornata non è stata totalmente negativa per il comparto bancario, sono rimaste al di sopra della linea della parità infatti anche Banco BPM (+0,58%) ed Unicredit (+0,06%). Hanno ceduto alle vendite, invece, Intesa Sanpaolo (+0,74%), Mediobanca (-0,53%) ed Ubi Banca (-0,48%).

In controtendenza rispetto al mercato anche Tenaris (+0,99%) e Saipem (+0,30%), mentre il colosso Eni (-1,04%) ha lasciato sul terreno oltre un punto percentuale.

Da segnalare infine anche la tenuta di Terna (+0,88%).

Ma ovviamente nella parte bassa della classifica troviamo ribassi consistenti, la maglia nera di giornata è andata a Stmicroelectronics (-3,85%), per il colosso italo-francese torna così il segno meno davanti alla performance YTD.

Nuovo minimo dell’anno per Pirelli (-3,29%) in una seduta decisamente negativa per l’automotive: Brembo (-2,09%). Fiat Chrysler (-2,75%) ha guidato i ribassi per l’intera galassia Agnelli, han dovuto soccombere alle vendite infatti anche Exor (-2,17%), Ferrari (-1,76%) e Cnh Ind. (-1,30%).

In una simile giornata non poteva sfuggire alle prese di profitto Moncler (-2,58%) che aveva ritoccato il proprio massimo storico soltanto due giorni fa.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale