Borse: le vendite non si placano

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Vendite a pioggia, anzi grandinate

Non si salva nessuno. La galassia Agnelli tempestata di vendite. Scattano le prese di profitto su Finecobank. Molto male Unipol e Saipem.

Termina nel peggiore dei modi l’ottava sulle Piazze europee, Londra (-1,5%) limita il ribasso, mentre sui listini di Parigi (-2,4%) e Francoforte (-2,3%) si scatena un uragano di vendite.

Sembra proprio che la “guerra” sia stata dichiarata, e forse qualcuno non aspettava altro, ora il motivo per vendere c’è … ed anche il capro espiatorio: i dazi di Trump. Il mercato ha emesso il suo verdetto: le Borse scendono per colpa di Trump.

Sul nostro Ftse Mib (-2,39%) il solo Yoox Net-a-Porter ha terminato la seduta invariato, sappiamo però che da tempo è un “ex-titolo” di Borsa, per il resto un monocromatico rosso.

Ovviamente le imminenti elezioni non hanno alcuna rilevanza sull’andamento della Borsa milanese, Piazza Affari, come tutte le altre, guarda al di là dell’Atlantico e Wall Street al momento scende ancora.

A subirne le maggiori conseguenze i titoli della galassia Agnelli, che occupano le ultime tre posizioni della classifica: Exor (-6,08%), Fiat Chrysler (-5,72%) e Cnh Industrial (-4,68%), male anche Ferrari (-3,69%).

Dopo due sedute decisamente brillanti è arrivato anche un immediato dietro-front per Salvatore Ferragamo (-4,52%) quota 23,5 euro è risultata di nuovo una barriera.

Dopo un’infinita serie di rialzi è arrivato lo storno anche per Finecobank (-3,42%) che proprio ieri aveva ritoccato nuovamente il proprio massimo storico.

Dopo un febbraio da dimenticare non è iniziato meglio il mese di marzo per Unipol (-3,37%) che perde quota 4 euro e torna sui livelli di inizio anno.

Periodaccio anche per Saipem (-3,05%) il cui 2018 non poteva cominciare in maniera peggiore, e dato che siamo in tema di titoli in netta difficoltà citiamo anche il forte calo di Leonardo (-2,90%).

Urge ripresa di Wall Street, altrimenti la faccenda si fa veramente seria. Sul fronte valutario il dollaro continua a deprezzarsi, pensate che il cross Usd/Jpy è tornato a testare quota 105 un livello che solo qualche mese fa sarebbe stato impensabile.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale