Borse poco mosse, ma positive

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Cauto inizio d’ottava

Sotto i riflettori il mondo delle Coop rosse, svettano Unipol ed UnipolSai. Sale ancora Stm. Bene le utilities, contrastati i bancari. 

Piazza Affari poco mossa, tuttavia il nostro indice di riferimento, praticamente per l’intera seduta, ha viaggiato al di sopra della linea della parità.

Anche gli altri principali indici borsistici del Vecchio Continente hanno concluso la giornata in territorio positivo, i guadagni, tuttavia, anche per loro, sono risultati molto contenuti.

Londra (+0,1%), Francoforte (+0,2%) e Parigi (+0,3%) iniziano così con il segno più una settimana che potrebbe riservarci parecchie sorprese.

Il nostro Ftse Mib (+0,44%) è risultato il migliore anche oggi, soprattutto grazie al Gruppo Unipol.

Il mondo delle cooperative emiliane è in totale fermento, probabilmente possono anche trarre beneficio dalla riforma sull’autonomia (ricordiamo che oltre a Veneto e Lombardia l’Emilia Romagna, anche se più defilata, avrebbe certamente vantaggi non indifferenti) che è al centro del dibattito politico.

Ed ecco allora spiegate le performance di Unipol (+4,24%) ed UnipolSai (+2,98%) che occupano i primi due posti della classifica odierna.

Sale sul terzo gradino del podio Amplifon (+2,27%) che si avvicina così al proprio massimo storico stabilito circa un mese fa.

Dopo la debacle della vigilia si riscattano, almeno parzialmente, le utilities, la migliore è risultata Enel (+2,17%), ma hanno messo a segno performances positive anche Snam Rete Gas (+1,46%), Hera (+1,05%), Italgas (+0,77%), Terna (+0,68%) ed A2A (+0,25%).

Dopo il buon guadagno con il quale aveva concluso l’ottava scorsa, parte bene anche questa settimana Stmicroelectronics (+2,02%) che torna quindi ad attaccare quota 17 euro, un livello che il titolo non traguarda dallo scorso 3 settembre.

Riprende subito quota 17 euro, invece, Azimut (+1,83%), il best performer dell’anno in corso (+94,1%) torna quindi a salire dopo qualche fisiologica battuta a vuoto.

Giornata contrastata per i titoli del settore bancario, guadagnano Ubi Banca (+1,66%), Mediobanca (+0,48%), Bper Banca (-0,32%) ed Intesa Sanpaolo (+0,17%) mentre devono cedere di nuovo alle vendite Unicredit (-0,34%) e soprattutto Banco BPM (-1,07%) anche oggi maglia nera di giornata.

Al momento risulta poco mossa anche Wall Street, lo S&P500 poco viaggia sopra la parità, il Nasdaq poco sotto la parità, praticamente invariato il Dow Jones.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
Posts not found. Pleae config this widget again!
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale