Borse positive, Piazza Affari effervescente

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Torna la fiducia sui mercati azionari

Massimi storici per Exor, Ferrari e Moncler. Leonardo vola dopo i conti ed il ritorno al dividendo. Sul fondo Salvatore Ferragamo e Yoox Net-a-Porter.

Pare che le Borse non ritengano preoccupante l’esito delle elezioni in Olanda, in effetti il metodo proporzionale esclude la possibilità di ritrovare al governo il Partito della Libertà di Wilders, ed il duro contrasto fra l’attuale esecutivo e la Turchia è arrivato “al momento giusto”, favorendo il partito liberale del Premier Rutte, che, con ogni probabilità, avrà il suo terzo mandato.

Non spaventa nemmeno la Fed che alzerà certamente i tassi, ma il mercato non crede ad un mutamento genetico della Yellen, insomma la colomba non si trasformerà in falco.

Ed allora torna un po’ di ottimismo sui mercati azionari, prevalgono le frecce verdi sui listini europei ed anche Wall Street volge al sereno.

Questo “buon vento” giova in particolare alla nostra Piazza Affari che conclude una seduta in perenne ascesa sul massimo di giornata.

Il Ftse Mib (+1,21%) è stato trainato al rialzo in particolare da Leonardo (+7,75%), il mercato ha apprezzato la redditività ed il ritorno al dividendo.

Dopo quattro ribassi consecutivi torna in auge Unipol (+3,54%), il trend rialzista di medio periodo, partito nel luglio scorso, sembra abbia ancora forza relativa.

Acquisti anche sul comparto bancario, per quanto riguarda le Popolari da segnalare l’ottima performance di Banco BPM (+2,63%), mentre le altre due hanno fatto segnare rialzi molto più contenuti: Ubi Banca (+0,43%) e Bper Banca (+0,18%). Più uniformi i guadagni delle Big: Unicredit (+1,99%), Mediobanca (+1,72%) ed Intesa Sanpaolo (+1,07%).

Si riscattano anche i titoli petroliferi, svetta Tenaris (+2,32%) davanti ad Eni (+1,38%) e Saipem (+1,07%).

Continua poi il momento sì della galassia Agnelli, Cnh Ind. (+2,35%) e Fiat Chrysler (+1,93%) rimangono su livelli d’eccellenza, ma la palma di titoli del giorno va ancora una volta ad Exor (+1,39%) e Ferrari (+1,04%) che ritoccano di nuovo i loro massimi assoluti!

Segnaliamo ancora le ottime performances di Prysmian (+1,83%), Buzzi Unicem (+1,64%) e Snam Rete Gas (+1,63%).

Record storico per Moncler (+1,43%) che, guadagnando più del 20% da inizio anno, è arrivata a sfiorare quota 20 euro.

Prese di profitto invece per Salvatore Ferragamo (-2,27%), dopo aver comunicato i risultati definitivi del 2016 e Brembo (-1,28%) che deve consolidare gli straordinari livelli raggiunti.

Ennesimo allarmante ribasso, infine, per Yoox Net-a-Porter (-1,83%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro   

 

Articoli correlati

Video
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale