Borse: torna il sereno

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Una schiarita fra Usa e Cina?

Rimbalzi consistenti per Prysmian ed Stm. Molto bene anche Unipol. Ad un soffio dal massimo storico Ferrari. Sul fondo Unicredit e Telecom.

Semaforo verde a Wall Street e le Borse europee, che avevano comunque viaggiato in territorio positivo fin dalla mattinata, terminano, con uno sprint, sul massimo di giornata.

Francoforte (+1,0%) è stata frenata da Bayer (-2,0%) che tuttavia dopo un inizio shock, a seguito della sentenza senza precedenti del tribunale californiano: il risarcimento per una coppia di 2,05 miliardi di dollari, il titolo ha recuperato terminando la seduta nei pressi del massimo di giornata.

Bene Londra (+1,1%) e soprattutto Parigi (+1,5%).

Ed anche la nostra Piazza Affari ha beneficiato del ritrovato ottimismo di Wall Street, il nostro Ftse Mib (+1,45%) ha invertito la marcia recuperando tutto quanto perduta alla vigilia grazie ai titoli del comparto industriale.

L’exploit di Prysmian (+7,18%) tornato oltre quota 17 euro e di Stmicroelectronics (+6,68%) tornato sopra quota 15 euro, sono l’emblema di questa giornata che ha visto salire sul podio anche Unipol (+4,48%) pronta a ridare l’attacco ai massimi dell’anno stabiliti il mese scorso.

Guadagna oltre quattro punti percentuali Amplifon (+4,17%), ma va sottolineato l’immediato rimbalzo di Azimut (+3,99%) che dall’inizio dell’anno torna a guadagnare più dell’80%!!!

Con il guadagno odierno, poi, Ferrari (+3,31%) arriva ad un soffio (solo 8 centesimi di euro) dal proprio massimo storico, le delusioni della Formula 1 quindi non incidono sul valore dell’azienda di Maranello.

Diamo infine uno sguardo anche alla parte bassa della classifica.

Sul fondo troviamo Unicredit (-1,69%) che inanella quindi il settimo ribasso nelle ultime otto sedute. Si torna a parlare di Commerzbank ed il mercato fa chiaramente intendere che non gradisce, ma serve proprio andare a togliere le castagne dal fuoco ai tedeschi?

Ed a proposito di aziende in mano ai cugini transalpini, segnaliamo  l’ennesimo calo di Telecom Italia (-0,94%) siamo di nuovo in prossimità del minimo dell’anno per l’ex monopolista.

Al momento i tre principali indici della Borsa americana fanno registrare guadagni superiori al punto percentuale.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro          

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale