Borse: un calo non molto convincente

Giancarlo Marcotti 1 Commento

Titoli bancari sotto la lente

Bene Saipem, Yoox, EGP, Tenaris e record storico per Campari. In calo Ferragamo ed il comparto bancario con l’eccezione di Banca MPS.

Un recupero nell’ultima mezz’ora di contrattazione ha permesso al nostro indice principale di non terminare sul minimo di seduta, lo storno, dovuto alla debolezza del comparto bancario, ed in particolare alle due Big Bank, però potrebbe esser stato solo momentaneo.

In calo anche Francoforte e Parigi, mentre Londra oggi è andata in controcorrente, al momento Wall Street procede contrastata con Dow Jones e S&P500 in territorio positivo e Nasdaq sotto la parità.

Il calo è arrivato già nella mattinata, dopo un’ora in cui gli indici avevano veleggiato intorno alla parità le vendite hanno avuto nettamente il sopravvento ed hanno portato il nostro Ftse Mib (-1,07%) in area 10.700 punti, poi, dopo l’apertura di Wall Street sembrava che gli indici potessero scendere ulteriormente, ma nell’ultima mezz’ora, invece, un ottimo rimbalzo riportava il nostro indice di riferimento a limitare le perdite.

Forti prese di profitto hanno interessato Salvatore Ferragamo (-3,75%) dopo i continui massimi storici dei giorni scorsi.

Determinanti per la performance del Ftse Mib i ribassi di Intesa Sanpaolo (-2,57%) ed Unicredit (-2,54%), per entrambi il calo era nell’aria, ora occorrerà capire se siamo solo all’inizio di un ritracciamento ben più profondo o se si tratta soltanto di una fisiologica e momentanea discesa all’interno di un trend rialzista di lungo periodo.

Dobbiamo parlare ancora di prese di beneficio anche per quanto riguarda Mediaset (-2,47%), per il titolo del Biscione i livelli raggiunti si sono già rivelati in passato delle barriere.

Come abbiamo già anticipato la giornata è stata caratterizzata di ribassi del nostro comparto più rappresentato all’interno dell’indice di riferimento, quello bancario, ecco le performance degli altri titoli: Bper (-2,12%), Mediobanca (-2,04%), BpM (-1,51%), Banco Popolare (-1,46%) ed Ubi Banca (-0,47%). In controtendenza, invece, Banca MPS (+1,24%).

In calo di nuovo Tod’s (-1,93%), così come è costretto a rifiatare Mediolanum (-1,78%), anche per il comparto del risparmio gestito oggi si è trattato di una seduta abbastanza “pesante”.

Chi non ferma il proprio recupero è Saipem (+3,00%) che pare aver ormai archiviato del tutto i minimi di inizio anno.

Continuano a risalire posizioni anche Yoox (+1,00%), non poi così distante dai suoi massimi storici toccati nei primi giorni dello scorso anno ed Enel Green Power (+0,78%) che si sta riprendendo dopo un mese di marzo quasi disastroso.

Torna immediatamente la freccia verde davanti alla performance di Tenaris (+0,78%), ma vogliamo concludere con un record storico ritoccato per l’ottava volta consecutiva, ci riferiamo a Campari (+0,69%) le cui quotazioni, dai minimi del marzo 2009, sono più che quadruplicate.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale