Carta di credito: perché averla, quale scegliere

Redazione Commenta per primo

Sono ancora moltissimi gli italiani che non possiedono una carta di credito. Se negli anni l’uso della carta di debito è diventato ormai la normalità, esistono ancora parecchi pregiudizi per quanto riguarda invece le carte di credito. Eppure mai come ora questo strumento si è reso pratico e utile. Da un lato consente di saldare qualsiasi tipologia di conto, dalla spesa al supermercato fino agli acquisti online. Inoltre gli strumenti di gestione dei conti oggi a disposizione permettono di evitare problematiche quali le spese eccessive di chi si trova tra le mani un pratico strumento di credito, sempre attivo.

Perché avere una carta di credito
Sarebbe più opportuno rispondere a questo quesito con un’altra domanda: perché no? Oggi i servizi di credito delle banche sono molto efficaci e garantiscono la massima sicurezza, in qualiasi situazione. Una carta di credito permette di fare acquisti, ottenendo un anticipo sul pagamento direttamente dalla banca, con il saldo solo nel corso successivo alla spesa effettuata. Una vera comodità per chi è costretto ogni mese a far quadrare i conti, per la famiglia o anche per le coppie e i single. Per altro è bene ricordare che da gennaio il Governo ha stabilito un rimborso fino a 300 euro di tutte le spese effettuate tramite sistemi elettronici tracciabili, carta di credito compresa.

Quale carta di credito
Praticamente ogni singola banca operante in Italia propone ai propri clienti una carta di credito; oltre a queste ne troviamo altre, scollegate dalla necessità di avere un conto presso il gestore che le emette. Di fatto tutti i prodotti sono poi gestiti da due diversi circuiti internazionali: VISA e Maestro. Visto che entrambe i circuiti sono ugualmente accettati in tutte le attività commerciali italiane, per scegliere la migliore carta di credito disponibile in commercio è consigliabile sapere quali siano le caratteristiche peculiari di questo strumento elettronico per il pagamento.

Le peculiarità di una carta di credito
Le caratteristiche di una carta di credito, quelle da verificare prima di stipulare un contratto per averne una, non sono moltissime. Si tratta però di peculiarità abbastanza importanti, che modificano più che altro il costo effettivo dato dall’uso di questo genere di strumento. Il primo elemento è l’effettivo costo annuale o mensile; si deve infatti ricordare che ogni banca è libera di fare l’offerta che preferisce ai propri clienti. Alcune offrono la carta di credito all’interno di un pacchetto di servizi, che ha un costo mensile che li comprende tutti. Altre invece presentano la carta di credito con un costo annuale per la gestione dello strumento. In molti casi questi costi si abbassano, o addirittura si azzerano, nel caso in cui si raggiunga un certo uso della carta ogni mese, o anche per conti correnti che hanno a disposizione una certa liquidità.

I costi “nascosti”
Si deve poi sempre considerare che è possibile vi siano altri costi da sostenere per utilizzare la carta di credito. Cerchiamo di capire come funziona la cara di credito: si paga una bolletta, o la spesa al ristorante, oggi con la carta di credito, la cifra sarà addebitata sul conto dell’intestatario solo il prossimo mese. Quindi in pratica per vari giorni la banca “presta” al cliente quanto pagato nei vari negozi. Ci sono banche che chiedono un interesse per questo “prestito”. Gli interessi non sono sempre presenti, se non per le carte di credito revolving: invece di addebitare l’intera spesa mensile sul conto corrente del cliente, la banca la suddivide in rate, su cui è necessario pagare gli interessi. Ci possono poi essere ulteriori spese, ad esempio per l’emissione di una nuova carta in caso di furto.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale