Come fare soldi con il trading?

Simone Rodriguez Commenta per primo

Questa è la domanda che sta sulla bocca di tutti coloro che iniziano ad interessarsi al mondo del trading. In realtà, non esiste un solo modo per farlo, ma ne esistono diversi. Il problema è capire quale modo si adatta maggiormente alle proprie esigenze. Esistono le strategie di trading ad esempio, ma anche così facendo, bisogna scegliere quella migliore.

Ci sono strategie di trading a breve e a lungo termine. Quale preferite? Sarete capaci di tenere a bada la stress e le emozioni che suscitano le strategie a breve termine? Avrete la costanza di controllare regolarmente le vostre posizioni con quelle a lungo termine? Ogni scelta porta ad una conseguenza e ogni strategia è una scelta.

Per fare soldi sul mercato Forex o su qualsiasi altro mercato, tutto ciò che devi fare è comprare poco e vendere molto. Sembra facile? Facciamo un esempio: quanti soldi puoi fare facendo trading con le valute Forex?

Supponiamo che il tuo saldo monti a 10.000 dollari e il tasso di cambio attuale della coppia di valute EUR/USD è di 1.1500. In parole povere, per ogni euro si riceve 1,25 dollari USA. Prevedi che durante l’attuale sessione di trading, la coppia aumenterà di valore, per cui acquisti circa 8700 euro con i tuoi 10.000 dollari.

La tua previsione si rivela corretta; il cambio EUR/USD sale da 1.1500 a 1.1600. Essendo in profitto, decidi di chiudere la posizione e di scambiare i tuoi 8700 euro che avevi acquistato, ottenendo 10.092$. Bene, hai guadagnato 92$ con pochi clic.

Non è molto, vero? Sarebbe possibile incrementare i tuoi profitti? Per aumentare il tuo profitto, puoi utilizzare la leva. Una leva può aumentare il tuo capitale moltiplicandolo per molte volte. Con una leva 1:500, aumenti il tuo capitale di 500 volte e di conseguenza anche il tuo profitto aumenta.

Ottimo, non credi? Tuttavia, devi tenere a mente che le leve offerte dai broker Forex sono un’arma a doppio taglio. La quantità di denaro che puoi guadagnare aumenta, è vero, ma anche quella che puoi perdere lo fa. Per cui, per fare soldi devi utilizzare le leve, ma non solo.

Tutti vogliono guadagnarci, ma sfortunatamente, la vita è troppo breve e questo ci porta alla nostra prossima domanda: come fare soldi velocemente? A questo quesito, purtroppo, non c’è una risposta precisa, ma ci sono diversi approcci che puoi seguire per fare soldi velocemente.

Uscire ed entrare dal mercato, come spiegato sul sito www.stofs.com, è uno di questi. Questo tipo di approccio potrà donarti una gratificazione istantanea e denaro veloce. Una delle strategie di trading più utilizzate, infatti, è quella di scalping. Tuttavia, proprio per la facilità di fare soldi in questo modo, non tutti i broker la permettono.

Come per tutte le strategie però, la questione non è così semplice. Prima di gettarti a capofitto, devi pianificare per bene le tue mosse, prevedere punti di resistenza e altro ancora. Approfitta magari di un conto demo per mettere a punto la tua strategia migliore. Quando ti senti pronto ad investire i soldi veri e propri, allora puoi passare ad un conto reale.

Per ottenere dei reali profitti bisogna capire anche quali sono i rischi che si corrono facendo scambi con soldi reali. Se sei bravo nel trading a breve termine, e la tua strategia è pianificata in questo senso, allora devi concentrarti, restare incollato allo schermo e fare le mosse giuste. Ricorda: nel trading a breve termine, la differenza di pochi secondi nel prendere una decisione può fare una differenza enorme in termini di guadagni.

Fare soldi nel Forex non è semplice come molti pensano. Il trading non è un gioco d’azzardo. Non c’è il rosso o il nero su cui puntare. La giusta strategia e la giusta mentalità, possono realmente fare la differenza. In fondo, si chiamano broker e non casinò online per un motivo ben preciso, non pensi anche tu?

Articoli correlati

Canale YouTube
Caro Prof Savona è giunto il momento di mettere a punto il Piano B mp4
La manovra e ... il PD
Mario Monti il disastro italiano
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale