Cosa sono i fondi di investimento e come funzionano

Redazione Commenta per primo

Nel 2020 un ampio numero di investitori italiani ha preferito conservare i propri capitali sul conto corrente, del tutto inutilizzati. Già all’inizio del 2021 però gli investimenti sono ricominciati, con una certa rapidità. In particolare si è confermato anche quest’anno l’amore degli italiani per il risparmio gestito, fondi comuni in prima fila. Cerchiamo di capire cosa sono i fondi comuni di investimento e quali sono le motivazioni che spingono gli italiani a prediligerli rispetto ad altre tipologie di investimento.

Come si investe in fondi comuni
Questo elemento è forse tra quelli che attira un ampio numero di nuovi clienti ogni anno. I fondi comuni si possono sottoscrivere anche online, approfittando di alcune piattaforme, semplici da utilizzare e molto rapide. Internet permette infatti di fare le proprie valutazioni in merito agli investimenti disponibili in qualsiasi momento si abbia del tempo libero a disposizione. Non serve prendere un appuntamento in banca o contattare un consulente. Le piattaforme offrono poi anche servizi di consulenza, portafogli modello e altre opzioni che permettono anche a chi non ha alcuna dimestichezza con i prodotti finanziari di trovare l’investimento “giusto”. Fundstore.it ad esempio è una piattaforma italiana che offre fondi comuni e SICAV, di diverse tipologie e nature, in modo che qualsiasi investitore trovi quella che meglio risponde alle sue specifiche esigenze.

Come funziona un fondo comune
I fondi comuni di investimento permettono al piccolo come al grande investitore di: diversificare il proprio portafogli, investire anche in ambiti in cui servono ampi capitali, ottenere un certo guadagno periodico. Il tutto con un grado di rischio che dipende strettamente dal tipo di fondo di investimento di cui si acquistano delle quote. In pratica una banca, o un intermediario finanziario, raccoglie fondi dai propri clienti, per poi affidarli a una società di gestione del risparmio, che li investirà tenendo conto delle premesse iniziali. Ogni fondo infatti è descritto indicando quali sono gli ambiti in cui si effettueranno gli investimenti; esistono fondi azionari che investono esclusivamente in Paesi emergenti, o in titoli sostenibili, così come fondi comuni che prediligono l’ambito immobiliare, i titoli di Stato, o i bond.

Scegliere un fondo di investimento
Solitamente la prima scrematura che fa chi decide di investire in uno o più fondi comuni riguarda il tipo di investimento che la società di gestione si prefissa di fare. Questo elemento offre una precisa misura del rischio di perdita del capitale, ma anche le potenzialità di guadagno del fondo stesso. Se un fondo che investe in titoli di Stato ha un rischio minimo, uno che si occupa di titoli azionari offre ovviamente un rischio molto più elevato. Per ogni fondo comune di investimento disponibile è possibile verificare la performance del passato, visualizzando in un grafico l’andamento del valore delle quote. Questo tipo di dato non ha un valore predittivo certo, vero è che se la società di gestione del fondo sta avendo successi da mesi, si può sperare che continui a farlo anche in futuro. Ci sono anche fondi di investimento che offrono un guadagno minimo annuo.

In : I Mercati

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale