Criptovalute e denaro contante: negli Stati Uniti va in scena la prima sfida

Redazione Commenta per primo

Sembra proprio che gli Stati Uniti si stiano proponendo come il laboratorio principale nel quale testare la convivenza tra valute tradizionali e criptovalute. Una convivenza che, per molti analisti, si annuncia tutt’altro che pacifica. Così, se in alcuni paesi – soprattutto asiatici – una certa deregulation ha stabilito una sorta di convivenza di fatto più o meno stabile, negli USA – così come, seppur con un certo ritardo, nell’Unione Europea – si sta tentando di avviare una regolamentazione. O quantomeno si stanno cercando i presupposti per definirne i parametri principali di riferimento.

Siamo, insomma, in una fase di pianificazione e, per così dire, di studi di fattibilità; una fase in cui, come da prassi, le posizioni tendono a polarizzarsi. Così, mentre alcune piattaforme di trading online – da top companies del settore come Plus500 ad altre variamente qualificate – provvedono autarchicamente a fornirsi di una solida regolamentazione interna e di policies che mettano in guardia il potenziale investitore sui rischi e non solo sui vantaggi, a livello politico siamo ancora in una fase di consultazione. Ed è proprio in questa fase che lo scontro tra apocalittici e integrati si materializza.

Si parlava degli Stati Uniti, appunto. Una realtà politica ed economica in cui il confronto-scontro tra denaro tradizionale e criptovalute è particolarmente acceso. Non solo perché il dollaro USA è ancora oggi un punto di riferimento imprescindibile per il mercato valutario internazionale. Ma anche perché gli Stati Uniti sono la patria di Facebook, che oggi non è solo uno dei principali colossi del mercato digitale: l’azienda di Mark Zuckerberg, infatti, è anche la matrice da cui sta per scaturire Libra, una nuova criptovaluta il cui lancio sul mercato è previsto, salvo ripensamenti, entro il 2020. Dollaro contro Libra equivale a uno scontro tra titani: un’eventualità che nessuno, sui mercati internazionali, auspica realmente, nemmeno il più spericolato degli speculatori.

È proprio partendo da questi presupposti che il mondo della politica americano, o almeno una sua parte consistente, è sceso sul piede di guerra. L’avversione nei confronti di Libra, e il sospetto nei confronti delle criptovalute, è bipartisan: molti repubblicani e democratici sono trasversalmente uniti nel mettere in guardia la popolazione sul rischio connesso all’utilizzo delle monete digitali. Il capofila degli avversari delle criptomonete è Brad Sherman, membro della Camera dei Rappresentanti di fede democratica eletto per lo stato della California. Di recente, Sherman ha avuto modo di interrogare Mark Zuckerberg, incalzandolo anche su Libra e sul radicale cambio di direzione del fondatore di Facebook, un tempo a sua volta contrario alle criptovalute. Per contro, i sostenitori della moneta digitale – non solo Libra, ma anche le altre, in primis Bitcoin – affermano che solo grazie alla tracciabilità garantita da quest’ultima le sottrazioni illecite di denaro e le transazioni legate a operazioni criminali potranno essere debellate una volta per tutte.

Secondo gli analisti, si tratta solo delle prime schermaglie. Il dibattito, seppur in punta di retorica e di codice civile, sembra destinato a protrarsi ancora a lungo. D’altronde, la materia è scontante e gli esiti del confronto potrebbero determinare il riassetto degli equilibri economici mondiali per i prossimi decenni. Verosimilmente, dagli Stati Uniti gli effetti di questo riequilibrio di forze si riverbereranno su tutto il pianeta, a partire dall’Unione Europea, riscrivendo le coordinate della finanza fino a trasformarla in qualcosa di molto diverso rispetto a quella che abbiamo conosciuto finora.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale