I dazi fanno salire le Borse

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Wall Street torna a suonare la carica

Gran rimbalzo per Prysmian, bene il comparto industriale, contrastati i bancari con le Big che rimangono sotto la linea della parità. In calo Pirelli.

Dopo l’annuncio di dazi e controdazi fra gli Usa e la Cina, Wall Street riparte alla grande e trascina al rialzo tutte le altre Piazze borsistiche. Va sottolineato che ultimamente la Borsa più spumeggiante è quella giapponese, il Nikkei, infatti, nelle ultime sei sedute ha guadagnato cinque punti percentuali e sembra lanciato verso i massimi toccati nel mese di gennaio a quota 24.000 punti, un livello che, ricordiamolo, l’indice nipponico non toccava dal 1991.

Nella Vecchia Europa è rimasta al palo Londra (-0,0%), mentre hanno beneficiato della buona vena di Wall Street sia Parigi (+0,3%) che Francoforte (+0,5%).

Con un’impennata nelle ultime due ore di contrattazione il nostro Ftse Mib (+0,55%) anche oggi si è ben comportato. Pochi i titoli che hanno terminato la giornata in territorio negativo solo in un caso, poi, il ribasso ha superato il mezzo punto percentuale: Pirelli (-0,58%).

Nella parte alta della classifica, invece, troviamo performance di tutto rispetto in particolare va segnalato i rimbalzone di Prysmian (+6,26%) che sembra aver consolidato quota 21 euro e potrebbe quindi ora recuperare almeno parte dei 17 punti percentuali persi nell’anno in corso.

Guadagnano quasi quattro punti percentuali anche Ferrari (+3,94%) tornato sui massimi degli ultimi due mesi, Buzzi Unicem (+3,93%) per la quale vale lo stesso discorso fatto per Prysmian, ma soprattutto va segnalato il nuovo balzo di Telecom (+3,93%) titolo da un po’ sotto i riflettori che conferma con la seduta odierna il rimbalzo della vigilia.

In buon recupero anche Banca Generali (+3,30%) e Leonardo (+2,80%). Supera poi quota 21 euro Salvatore Ferragamo (+2,02%), non accadeva da quasi tre mesi.

Non dimentichiamo poi i rialzi di Cnh Industrial (+1,47%), ma soprattutto di UnipolSai (+1,46%), ormai ad un soffio dai massimi fatti registrare ad inizio maggio.

Concludiamo però il commento alla giornata odierna di Borsa parlando del titolo che ultimamente è tornato sotto i riflettori, si tratta di Saipem (+1,33%) salito anche oggi sulle buone notizie che riguardano i prezzi petroliferi, ma che avvicinandosi a quota 5 euro, in intraday, ha visto materializzarsi alcune prese di profitto, stiamo a vedere gli sviluppi.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale