Europa in difficoltà, Wall Street festeggia

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Nuova fiammata del petrolio

Bene Saipem, Tenaris ed Eni. Fiat alla riscossa. Contrastato il comparto bancario, ma prevalgono i segni meno. Vendite sul lusso.

Trump sta umiliando l’Unione europea, la drastica riduzione dell’imposizione fiscale ed i dazi hanno lanciato l’economia americana a ritmi di crescita da Paese emergente, il Vecchio Continente, invece, arranca con la sua “austerity” ed il suo rigore.

Certamente non potrà andare avanti all’infinito, inevitabilmente i tassi negli Usa aumenteranno di nuovo, ma la Borsa a New York non si spaventa e l’indice Dow Jones prosegue la propria cavalcata a spron battuto.

D’altronde loro hanno la Fed, noi la Bce. Loro riducono i poveri creando posti di lavoro (attualmente sono arrivati praticamente alla piena occupazione), noi cerchiamo di sostenere i poveri con soldi pubblici.

Ed ecco allora che gli indici di Borsa europei hanno terminato la seduta in territorio negativo, anche se i ribassi sono risultati decisamente contenuti.

Londra (-0,1%), Francoforte (-0,1%) e Parigi (-0,2%).

Anche il nostro Ftse Mib (-0,20%) alla fine ha dovuto cedere alle vendite dopo aver iniziato la giornata illudendo molti investitori.

Giornata nera per i titoli del lusso: Salvatore Ferragamo (-3,43%) e Moncler (-2,57%) hanno occupato il fondo della classifica.

Contrastati i bancari con Bper Banca (+0,93%) e Banco BPM (+0,80%) che hanno mantenuto la freccia verde, mentre Intesa (-1,19%), Ubi Banca (-1,51%), Unicredit (-1,64%) e soprattutto Mediobanca (-2,25%) anche oggi hanno subito pesanti vendite.

Prosegue il periodo nero di Atlantia (-2,14%) mentre possiamo certamente ritenere prese di profitto le vendite che hanno colpito Campari (-1,83%).

Ma volgiamo lo sguardo verso la parte alta della classifica, seduta decisamente favorevole al comparto petrolifero, Saipem (+5,06%) indossa la maglia rosa di giornata e torna all’attacco di quota 4 euro, sul podio sale anche Tenaris (+2,90%), la società della famiglia Rocca si allontana da quota 15 euro che pare così aver fatto da barriera.

Un grande aiuto al nostro indice di riferimento è poi arrivato da Eni (+1,17%), anche per il colosso del settore lo sbarramento è stato posto a quota 15 euro.

Le ottime performances di Fiat Chrysler (+3,13%) e Cnh Ind. (+0,94%) non hanno aiutato Exor (-0,40%) che tuttavia non cede quota 60 euro.

Da segnalare infine anche i guadagni di Banca Generali (+2,40%) che pare aver lasciato alle spalle il momento peggiore e di Brembo (+2,08%) che torna ad avere il segno più davanti alla performance dell’anno in corso.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale