Il debito pubblico nella visione quasi liberista

Roberto Domenichini 2 Commenti

Ne parlano tutti. Dal bambino all’asilo fino al pensionato che frequenta l’Università della terza età.

Per tutti è un male ma nessuno fa niente per sconfiggerlo. E’ un cancro che piano piano, ultimamente non così piano, crea disoccupazione, inflazione, stagnazione del ciclo economico, morti per denutrizione. Rapina i nostri portafogli ma, cosa più importante, distrugge le coscienze.

Adesso rivolgo “a tu per tu” due parole al settore pubblico.

Scusa Stato già ci stai uccidendo con la tua tua spesa pubblica inefficiente e sprecona perchè ti sei permesso di indebitarti?

Lo sai che la prima regola per una famiglia modello è la seguente: una cosa se la puoi comprare la compri altrimenti lasci perdere.

In altre parole se hai la copertura per finanziare la spesa procedi (anche se per me l’intervento dello stato nell’economia dovrebbe essere abolito) altrimenti non mettercela in quel posto indebitandoti visto che sarò io cittadino un domani a dover pagare tale somma, interessi inclusi.

Si cari lettori lo Stato, alle impopolari imposte, ha da sempre fatto ricorso al debito pubblico.

Mi ricordo un’idea insensata prospettata dal partito Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni per non far pagare l’Imu.

L’idea era la seguente: emettiamo dei titoli di Stato per un’equivalente valore così i cittadini non dovranno sborsare soldi per questa impopolare imposta.

Capisco che sotto elezioni pur di avere un voto in più ci si vende anche l’anima ma purtroppo i cittadini se fosse passata tale idea avrebbero dovuto vendere il ….

Spiegazione semplice semplice?

Se i Fratelli d’Italia conoscessero almeno la definizione di debito pubblico forse una cazzata del genere non la avrebbero nemmeno pronunciata. Il debito non è altro che un differimento di imposta, ovvero non ti tasso oggi per tassarti di più domani visto che oltre alla somma prestata, io Stato, dovrò pagare anche gli interessi.

All’asilo un concetto così complicato lo hanno compreso ma per gli economisti, purtroppo molti anche liberisti, i giochi non sono mai a somma zero. I politici che si sono alternati dal Regno d’Italia, periodo nel quale nasce il gran libro del debito pubblico, dove lo stato nascente riunificava i debiti dei vari regni prima divisi, ai giorni nostri tale leva finanziaria l’hanno usata per non scontentare i cittadini introducendo nuove tasse e nel contempo scaricando sulle generazioni future i loro bagordi.

Faccio una controproposta: visto che il debito è pubblico perché non togliamo lo stipendio a quasi tutti i dipendenti pubblici, dal più piccolo al più grande fino a che tale debito non sarà ripianato?

Quando il cittadino capirà che il nemico non è la mafia o l’evasione fiscale ma lo Stato allora si potrà iniziare a costruire una società civile basata sul rispetto del prossimo e sulla dignità di se stessi.

Roberto Domenichini per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

  • Mario

    Roberto, mettiamoci il cuore in pace che il liberismo non porta voti ai partiti così come non portano voti le campagne politiche dei candidati sindaci che parlano di economia spicciola.
    Il Sindaco della mia città è un ingegnere e ha vinto con i programmi per il sociale, per l’isola pedonale (struscio+notti bianche) e per la moschea.
    Contro questi insostituibili ideali cosa porti?
    Risparmio, oculatezza e non fare debiti!? hai già perso in partenza perchè anche solo la Lega si presenta e dice “risorse per i più anziani e pensionati poveri, no alla moschea e no al mantenimento dei figli degli immigrati” ti frega la maggior parte dei voti moderati.

  • Roberto

    E pensa che molti comuni hanno finanziato la spesa con i derivati!

    Trovo già immorale finanziare una spesa pubblica inefficiente con le “efficienti” tasse. Figurati il suo finanziamento legato ad una scommessa che se la perdi quella spesa ti costerà 10 volte tanto. Ma quanto è piccolo il cervello di questi burocrati?

    Ciao mitico

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale