Le Borse chiudono l’ottava con un altro rialzo

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Piatta Piazza Affari

Svetta a sorpresa Atlantia, completano il podio Ferrari e Telecom. In calo le utilities, contrastati i bancari. Exor ad un passo dal record storico.

Stavolta non ha brillato Piazza Affari, alla fine rimane un segno meno davanti alla performance giornaliera, anche se occorre specificare che si tratta di un calo assolutamente frazionale.

Londra (+0,1%), Parigi (+0,2%) e Francoforte (+0,5%), pur non brillando, hanno concluso con un guadagno.

Il nostro Ftse Mib (-0,04%) in intraday aveva anche superato quota 22.000 punti, ma poi ha dovuto cedere alle vendite.

Le vendite hanno riguardato in particolare le utilities, sul fondo della classifica troviamo infatti Terna (-1,52%), segni meno anche per Snam Rete Gas (-0,99%), Enel (-0,68%), A2A (-0,36%), ed Italgas (-0,27%).

Terzo calo di fila per Nexi (-1,26%) e Diasorin (-0,75%) e frenano l’ascesa Finecobank (-0,89%) ed Ubi Banca (-0,71%).

Rivolgendo il nostro sguardo alla parte superiore della classifica … non smette di stupire Atlantia (+1,40%) che supera i livelli registrati prima del crollo del Ponte Morandi.

Continua a salire Ferrari (+1,16%) in vista del gran Premio di Monza e sale sul terzo gradino del podio Telecom (+0,98%) che in intraday aveva traguardato anche quota mezzo euro.

Ma va segnalato in particolare il secondo miglior fixing di sempre da parte di Exor (+0,91%).

Al momento a Wall Street salgono di qualche decimo di punto percentuale il Dow Jones e lo S&P500, sulla parità il Nasdaq.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro          

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale