Su le Borse europee, Piazza Affari in controtendenza

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Wall Street in grande spolvero

Un brutto segnale arriva dal risparmio gestito, tutti i titoli del settore in netto calo. Male anche i bancari. Svetta Mediaset, sotto la “lente” Luxottica.

L’Europa sorride, l’Italia no! Potremmo titolare in questo modo commentando la giornata di Borsa, ma saremmo ingenerosi con Piazza Affari che nella seduta della vigilia aveva fatto segnare un netto progresso.

Oggi Londra (+0,5%), Parigi (+0,5%) e Francoforte (+0,4%) hanno registrato rialzi significativi. Sul Dax ha brillato ThyssenKrupp (+9,9%) che ha messo a segno un guadagno quasi a doppia cifra dopo aver comunicato al mercato l’avvio dello spin-off, nasceranno quindi due aziende distinte: ThyssenKrupp Materials e ThyssenKrupp Industrials. Alcuni diranno che ha vinto la “speculazione”, e forse non avranno torto, sembra infatti che una sola delle due aziende verrà quotata a Francoforte, ma trarre conclusioni solo su indiscrezioni non è nel mio costume, quindi attendiamo per vedere se davvero hanno vinto i “fondi”, di sicuro oggi è stata una giornata estremamente volatile per il colosso tedesco dell’industria pesante, e con ogni probabilità la volatilità sarà una costante anche nei giorni a seguire.

Ma torniamo al nostro Ftse Mib (-0,62%) che ha visto svettare Mediaset (+1,94%) forse al titolo del Biscione ha fatto bene la decisione di votare  Foa come Presidente della Rai.

Prosegue poi il momento magico di Luxottica (+1,58%) che ha superato anche quota 59 euro, non accadeva dal dicembre 2015. Terzo gradino del podio per Pirelli (+0,97%).

Da segnalare anche i continui rialzi che ultimamente stanno avendo Unipol (+0,77%) ed UnipolSai (+0,09%), quest’ultima ha ritoccato i propri massimi da oltre sei anni.

Sul fondo oggi troviamo Atlantia (-2,34%), la vicenda ponte Morandi non ha terminato di produrre effetti negativi sul titolo dei Benetton.

Ma il segno meno davanti alla performance del nostro indice di riferimento è dovuto essenzialmente ai cali registrati dal comparto bancario: Ubi Banca (-2,09%), Unicredit (-1,67%), Intesa Sanpaolo (-1,17%), Bper Banca (-1,05%), Mediobanca (-0,99%) e Banco BPM (-0,42%) e da quello del risparmio gestito: Banca Mediolanum (-1,95%), Banca Generali (-1,64%), Azimut (-1,63%) e Finecobank (-1,39%).

Ed infine va segnalato anche l’ennesimo ribasso per Stmicroelectronics (-1,73%) nonostante in questo momento il Nasdaq (+0,9%) stia salendo di quasi un punto percentuale.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
Posts not found. Pleae config this widget again!
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale