Le Borse frenano, ma non vanno in testa-coda

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Seduta di consolidamento per le Piazze europee

A Piazza Affari pesa la debacle della galassia Agnelli. Male le utilities e contrastati i bancari. Svetta Campari davanti a Brembo. 

Segni meno davanti a tutte le performance dei principali indici di Borsa europei, ed anche Wall Street, dopo la sbornia della vigilia riscopre il vecchio detto “vendi, guadagna e pentiti”.

Parigi (-0,5%), Francoforte (-0,5%) e Londra (-0,1%) lasciano sul terreno meno di mezzo punto percentuale, si tratta quindi di ribassi decisamente contenuti.

Il nostro Ftse Mib (-1,33%), invece è stato penalizzato dalla sbandata della galassia Agnelli, il titoli del Lingotto, infatti sono stati venduti a piene mani, il dato sulle immatricolazioni a settembre (-31,4%) di Fiat Chrysler (-4,19%) ha letteralmente gelato gli entusiasmi, e non è andata meglio a Cnh Industrial (-4,10%) dopo la bocciatura (rating tagliato a “Neutral” dal precedente “Buy”) da parte di Bank of America e Morgan Stanley, il mercato non ha quindi dato retta a Goldman Sachs che ha mantenuto il giudizio positivo sul titolo.

Ovviamente  queste performances non potevano non influire sulla holding Exor (-3,60%), a completare la disfatta poi anche il crollo da parte di Ferrari (-3,36%).

Vista la debacle del comparto auto le vendite si sono indirizzate anche verso Pirelli (-3,22%) interrompendo così il timido tentativo di ripresa.

Dietro front infine anche per Finecobank (-3,53%) che ripiomba sotto quota 10 euro, sui minimi da inizio luglio.

Contrastato il comparto bancario con Mediobanca (-1,15%), Intesa (-1,14%) e Banco BPM (-0,61%) che hanno dovuto cedere alle vendite, mentre Bper Banca (+0,14%), Ubi Banca (+0,20%) ed Unicredit (+0,32%) hanno trovato nuovi compratori.

Conferma invece il rimbalzo della vigilia Campari (+1,61%) best performer di giornata, va poi in controtendenza rispetto al comparto di appartenenza Brembo (+1,07%) e chiude sul terzo gradine del podio Stmicroelectronics (+0,81%), per gli azionisti comunque una grande delusione visto che nella prima parte della seduta il colosso dei chip era arrivato a guadagnare oltre cinque punti percentuali.

Al momento Wall Street sembra poter recuperare i modesti ribassi fatti segnare in apertura, per ora le trimestrali risultano ancora mediamente superiori alle attese.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale