Le primarie del Pd finiscono in rissa

Redazione Commenta per primo

A sinistra si discute, magari animatamente, ma questo è solo un segnale di sana passione politica, chi non si accalora per difendere le proprie idee?

Splendido poi quanto accaduto a Modena, la crisi morde ed allora anche i due euro per votare alle primarie possono risultare determinanti per farsi eleggere.

Eh sì le primarie sono proprio l’essenza stessa della democrazia. 

Scene da Far West all’assemblea del Pd laziale: con calci, sputi e tessere lanciate in faccia ai dirigenti.

È successo sabato pomeriggio al centro congressi della Cgil, dove i militanti e i quadri del partito si sono riuniti per ratificare l’elezione di Fabio Melilli a segretario regionale. Larissa, racconta il Corriere della Sera, è scoppiata al momento dell’elezione a presidente di Liliana Mannocchi, fedelissima del deputato Marco Di Stefano, al posto di Lorenza Bonaccorsi, renziana sconfitta da Melilli alle primarie: sotto gli occhi increduli degli invitati (tra cui il presidente di regione Nicola Zingaretti e il sindaco di Roma Ignazio Marino) è andata in scena una gazzarra con fischi, pernacchie ed espressioni da trivio.

Da lì al confronto fisico il passo è stato breve. E così sono volati calci e sputi, con Melilli colpito in pieno volto dal lancio di due tessere. Massimiliano Dolce, delegato giunto da Palestrina, è stato colto da un principio di crisi epilettica, rendendo necessario l’intervento delle ambulanze.

Ma le risse democratiche non sono prerogativa unica di Roma. A Modena si è scatenata una bufera sulle primarie per l’elezione del candidato sindaco, e la sconfitta Francesca Maletti ha presentato un esposto contro presunte irregolarità nel voto degli stranieri, cui sarebbero stati forniti i due euro necessari. A Salerno, feudo di Vincenzo De Luca, il deputato Guglielmo Vaccaro si è barricato nella sede del partito per protestare contro l’esito delle consultazioni locali. È forse per ovviare a questo tipo di problemi che il capo della segreteria regionale siciliana Fausto Raciti, appoggiato dai renziani di Faraone ma fatto eleggere alla Camera da Pierluigi Bersani, ha dichiarato candidamente: “Noi, temo, facciamo troppe primarie”.

Giovanni Masini

Per approfondimenti visita Il Giornale

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale