Legge di stabilità 2016. Così si aumenta la miseria dei più poveri

Redazione 3 Commenti

Il Governo ha fatto approvare la L. 208 del 28/12/2015 (stabilità 2016), per continuare nella distruzione dell’economia italiana e nella discriminazione fra i cittadini. L’Italia è una nazione con sempre maggiori disuguaglianze. Sono generate dalla concentrazione del potere: non basta, si può aumentare la miseria dei più poveri.

Gli innumerevoli trattamenti di favore concessi a chi lavora, sono pagati dai disoccupati con l’IVA 22% e le odiose clausole di salvaguardia del comma 6. Le agevolazioni fiscali, gli sgravi contributivi e i regimi di favore sono un’erogazione di denaro pubblico, sono mance per catturare voti nelle elezioni e sono potenti mezzi di corruzione provenienti dal Governo.

I tagli sull’acquisto di beni e servizi della Pubblica Amministrazione, fanno aumentare i disoccupati, ora arrivati a sei milioni. Anche le continue riscritture alle stesse leggi sono un metodo sicuro per fabbricare disoccupati. Lo sa bene la filiera del taglio Napolitano/Berlusconi/Monti/Letta/Renzi/Pd55/Mattarella.

Le imposte sul risparmio, già aumentate al 26%, garantiscono la distruzione della fiducia. La finanza, invece, è la linfa che crea i posti di lavoro. Gli imprenditori e i professionisti, che producono il reddito, sono l’unica fonte di risorse per lo Stato. Essi devono essere sollevati da tutte le punizioni, volute dal potere del governo, origine di ricatti, omertà e corruzioni. E’ sufficiente un solo provvedimento liberatorio con questo contenuto.

  • I pubblici amministratori non possono ricoprire la stessa carica per più di 2 mandati.
  • Per tutte le cariche politiche nazionali, regionali e amministrative, il sistema elettorale è proporzionale.
  • I sindaci e i presidenti di enti e amministrazioni pubbliche, sono scelti dai consigli.
  • I dipendenti pubblici sono assunti solo con contratto di lavoro a termine.
  • Sono ammessi i pagamenti in contanti per qualsiasi cifra.
  • Nell’unico contratto di lavoro i singoli scelgono liberamente le clausole.
  • Sono abrogate le leggi che:
  • Infliggono sanzioni amministrative e penali nelle materie: fiscale, ambientale, di sicurezza e della concorrenza.
  • Limitano la libertà di costruire infrastrutture.
  • Concedono agevolazioni alle imprese, alle professioni, alle persone fisiche e agli enti, a carico dello Stato, delle Regioni, delle Province, dei Comuni e di qualunque altro Ente, siano esse di carattere tributario, previdenziale o contributivo.
  • Alle persone fisiche, di cittadinanza italiana, è riconosciuto il diritto alla disponibilità di un minimo vitale, sulla base della dichiarazione dei redditi.
  • In tutte le società, la responsabilità dei soci è limitata.
  • Non sono imponibili le perdite e gli utili ottenuti con titoli trattati in borsa.
  • I rifiuti devono essere smaltiti tramite inceneritori.
  • Nelle cooperative i consiglieri non possono ricoprire la carica per più di un mandato.
  • Le cooperative che controllano una società di capitali, si trasformano in SPA.

Giorgio Trenti

 

Per completare lo sviluppo: www.aziendalisti.org/sviluppocompleto.doc

 

Articoli correlati

Video
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale