Nasdaq che sta succedendo?

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Giornata semifestiva a Wall Street, domani è il famoso 4 Luglio quindi per gli Stati Uniti una grande festa, nonostante ciò la seduta a New York è stata tutt’altro che banale o scontata.

Mentre il Dow Jones (+0,61%) infatti ha stabilito il nuovo massimo assoluto in intraday (a 21.562,75 punti) ed il secondo miglior fixing di sempre (a 21.479,27 punti),  il Nasdaq (-0,49%) ha chiuso in calo per la quinta volta nelle ultime sei sedute, atterrando sul livello più basso degli ultimi quaranta giorni.

Ribadiamo ancora una volta che la performance YTD (ossia da inizio anno) resta sempre a vantaggio del Nasdaq, ma quanto sta accadendo soprattutto ai colossi quotati sull’indice tecnologico più famoso al mondo non è assolutamente da sottovalutare.

Il FAMAG (Facebook, Apple,Microsoft,Amazon e Google) nell’ultima settimana ha lanciato “segnali di fumo”, non facili da decifrare perché tutti all’inizio hanno parlato di un salutare e fisiologico leggero ritracciamento, ed al momento effettivamente possiamo ritrovarci in una simile situazione, tuttavia sappiamo anche (almeno coloro che in quell’anno già avevano a che fare con i mercati finanziari) come è cominciata nel fatidico marzo 2000.

Quindi non ci resta che attendere gli eventi per vedere gli sviluppi.

Intanto il DJ sale grazie ai titoli bancari, Goldman Sachs (+2,42%) torna sui massimi dallo scorso mese di aprile, mentre JP Morgan (+1,48%) non si accontenta e stabilisce il nuovo record storico a 92,75 dollari.

Ripartono anche i petroliferi, archiviato un primo semestre “nero”, questa seconda parte dell’anno inizia sotto i migliori auspici, quindi Chevron (+1,89%) ed Exxon (+1,70%) ne beneficiano immediatamente.

Da segnalare anche l’ottima performance di E.I. Du Pont (+1,76%) e General Electric (+1,63%).

In rosso i titoli legati al comparto tecnologico, sul fondo Microsoft (-1,10%), ma il calo più preoccupante è quello registrato da Intel (-0,83%) per il colosso dei “chip” si tratta del nuovo minimo dell’anno.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro  

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale