Parla Draghi, bene … no … forse … mah!

Giancarlo Marcotti 4 Commenti

Bce … solo fumo

Vola Finmeccanica dopo i conti, bene anche Prysmian e Buzzi Unicem. Ennesimo crollo di Yoox, molto male anche il comparto bancario. Giù Tenaris.

Personalmente non riesco a capire come ci possano ancora essere persone che si fanno prendere in giro da Draghi e la cricca della Bce. E’ talmente evidente che la Germania non ha alcuna intenzione di accollarsi i debiti degli altri Paesi che non vedo perché ad ogni riunione si crei quel clima di attesa.

E per dirla tutta la Germania (dal suo punto di vista) fa benissimo a volerla tirare lunga perché così si perpetua l’attuale situazione che è completamente a loro favore.

Ne volete una riprova?

Volatilità pazzesca da quando inizia a parlare Draghi, il nostro indice principale che era in territorio negativo schizza a +1,77% e poi? E poi qualcuno capisce che non c’è nessuna novità, che è il solito brodo, la solita minestra, anzi, la solita sbobba.

Ed alla fine…

Milano, Ftse Mib (-0,73%)

Francoforte, Dax (+0,66%)

… questo è il risultato.

Tirrem innanz …

Bene alcuni titoli industriali come Finmeccanica (+6,25%) dopo una trimestrale decisamente migliore delle attese, estremamente volatile Prysmian (+3,59%) dato che non si riesce a capire se i conti devono considerarsi positivi o meno.

Terzo gradino del podio per Buzzi Unicem (+1,69%) che forse riesce ad uscire dalle sabbie mobili nelle quale sembrava essersi impantanato.

Rimbalzini per Saipem (+1,68%) e World Duty Free (+1,58%) tutt’ora alle prese con quotazioni straordinariamente penalizzanti.

Proseguono nella loro percorso di ripresa Stmicroelectronics (+1,36%) ed A2A (+1,22%), mentre cerca di consolidare almeno quota 18 euro Salvatore Ferragamo (+1,00%) uno dei titoli peggiori nell’anno in corso.

Vanifica l’ottima performance della vigilia con l’ennesimo crollo Yoox (-4,71%) un altro titolo che vorrebbe archiviare al più presto questo 2014.

Giornata assolutamente negativa per il comparto bancario, maglia nera a BpM (-4,57%) ma non è andata tanto meglio a Banca MPS (-3,62%), Bper (-2,63%), Ubi Banca (-2,59%), Banco Popolare (-2,38%) e Mediobanca (-1,71%). Hanno limitato il ribasso entro il punto percentuale solo le due Big, Unicredit (-0,96%) e Intesa San Paolo (-0,53%).

Da rimarcare i cali di Tenaris (-3,77%) ormai prossima ai minimi dell’anno toccati nello scorso marzo e Telecom Italia (-2,77%) che sembra aver trovato in quota 0,9 una barriera.

E concludiamo segnalando il calo di UnipolSai (-2,67%), la fusione con molte più ombre che luci.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

  • Max938

    Caro Marcotti non è che la Germania non voglia accollarsi i debiti degli altri , e su questo non ci sarebbe nulla da obiettare , mentre molto da obiettare c’è sul fatto che seguiti con queste mosse
    politiche a speculare sulla pelle nostra sopratutto ottenendo denaro “gratis” per la propria economia mentre a noi resta di pagarlo caro e di rischiare ancora di più se facciamo saltare il tavolo. E’ una politica “sporca” e anche molto ma non sarà facile venirne fuori anche per le
    complicità all’interno del nostro paese delle massime cariche istituzionali. Max938

    • Giancarlo Marcotti

      Caro Massimo, ovviamente, in un commento alla giornata di Borsa, devo usare la sintesi. La Germania non vuole che la Bce acquisti direttamente titoli del debito pubblico (naturalmente di Paesi periferici). Insomma non vuole pagare “un prezzo” per i vantaggi che sta ottenendo ormai da quindici anni (1999 viene stabilito il concambio).
      E’ chiaro poi che non è una politica “sporca” nel senso che cela una fregatura per gli altri, non nasconde nulla, è sotto gli occhi di tutti, non c’è la necessità di nascondere nulla proprio perché, come hai detto tu, sono le nostre più alte cariche a permetterlo.

      • Max938

        Caro Giancarlo, anni fa paragonai l’Italia alla serva del curato che “consenziente
        tace e lo prende.. anni ’60” mentre ora sfiduciati e stanchi non ci resta che tirar
        fuori il mandolino e “o sole mio” nell’attesa delle bande di conquistatori di tutte le
        razze . Non credo che ci meritiamo niente di più. E “ci abbiamo pure ‘o Wanno Ricci” ducetto in sedicesimo.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale