Parte bene la settimana in Borsa

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Milano la migliore

Svetta Stm, molto bene il comparto bancario. Rimbalzano i media. Spread in calo. Sul fondo Leonardo dopo l’incidente dell’elicottero a Leicester.

Piazza Affari torna a far gola agli investitori, ed in particolare il nostro comparto bancario, ma a trainare l’indice di riferimento della Borsa milanese sono stati anche i titoli del settore auto ed i tecnologici.

Purtroppo una Wall Street non del tutto convincente nelle prime battute ha consigliato prudenza e quindi nella parte finale della seduta i guadagni delle principali Piazze europee si siano ridimensionati.

Non ha brillato il Cac (+0,4%) di Parigi, più vivaci il Ftse100 (+1,2%) di Londra ed il  Dax (+1,2%) di Francoforte.

La Borsa tedesca era attesa con un certo interesse dopo l’esito delle elezioni in Assia che hanno confermato la crisi dei due principali partiti, quelli che attualmente compongono l’esecutivo. Frau Merkel ha così annunciato il proprio addio alla politica per il 2021.

Da noi cala lo spread ed il comparto bancario ne beneficia, sappiamo tutti quanto sia importante quel settore all’interno del nostro indice di riferimento, ed allora il Ftse Mib (+1,91%) torna a traguardare quota 19.000 punti.

Una boccata d’ossigeno quindi per Banco BPM (+5,01%), Bper Banca (+4,41%), Unicredit (+4,32%), Ubi Banca (+4,08%), Intesa Sanpaolo (+3,03%) e Mediobanca (+2,85%).

Il best performer di giornata è risultato tuttavia Stmicroelectronics (+5,62%), che conferma quindi di poter recuperare almeno parte del crollo registrato a partire dalla metà del mese di giugno.

Boccata d’ossigeno anche per Telecom Italia (+4,36%), per il titolo dell’ex monopolista quota 0,5 euro è proprio “vitale”, vedremo se nelle prossime sedute anche questo rimbalzo si rivelerà effimero.

Stesso discorso per Mediaset (+3,95%) che rimbalza nuovamente dopo esser sceso sotto quota 2,5 al termine della precedente ottava.

Guadagnano oltre tre punti percentuali anche Unipol (+3,53%), Cnh Industrial (+3,49%), Recordati (+3,45%), Poste italiane (+3,16%), Brembo (+3,13%) e Finecobank (+3,10%).

Sul fondo troviamo oggi Leonardo (-1,85%) penalizzata dalle vendite a seguito dell’incidente che è costato la vita al Presidente del Leicester a bordo di un elicottero della AgustaWestland.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro          

Articoli correlati

Canale YouTube
SOLDI ALL'ESTERO? SIAMO SERI E FACCIAMO CHIAREZZA
Giornalisti la libertà di raccontare balle
BERLUSCONI VS SAVONA
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale