Per la stampa estera è “golpe” o “rivolta”

Redazione Commenta per primo

 

La crisi di governo, che domani si aprirà formalmente con le dimissioni di Enrico Letta nelle mani di Giorgio Napolitano, è la notizia di apertura di diversi siti internazionali, che utilizzano i termini «golpe» e «insurrezione» per descrivere il dibattito nella direzione del Pd.

La Bbc accompagna la cronaca della giornata con un’analisi di David Willey: «Matteo Renzi è un politico che ha fretta. Incarna la frustrazione di molti italiani di fronte al declino economico» ed è «enormemente ambizioso» Ma, continua, «manca di esperienza nei bizantinismi della politica romana, non ha un mandato popolare e non è stato eletto in Parlamento».

La Frankfurter Allgemeine Zeitung sottolinea, sotto il titolo: «Il presidente del Consiglio Letta si dimette», il «sostegno» a Renzi da da parte di Confindustria per bocca del presidente Giorgio Squinzi, che oggi ha definito il piano economico di Letta «una buona analisi» ma non «una via d’uscita dalla crisi».

Grande rilievo alla notizia è dato da Der Spiegel, che ha in cima alla home page la foto di Matteo Renzi ed Enrico Letta insieme: «Adesso la strada è aperta per il suo rivale (di Letta), Matteo Renzi, il ‘rottamatore’». Ma è il titolo a colpire in modo efficace: «Un golpe dei colleghi di partito».

Tra i quotidiani francesi, se Le Figaro sembra snobbare la notizia,Libération la mette tra le ultim’ora e si limita a rilanciare l’agenzia France Presse e a riciclare un ritratto di Matteo Renzi scritto a dicembre, e in cui il segretario del Pd è definito il «nuovo volto della sinistra italiana».

Sulle home page delle americane Foxnews e Cnn la notizia non è ancora comparsa, mentre il New York Times titola: «Rivolta nel partito: il primo ministro Letta si dimette» e sotto descrive il dibattito nella direzione del Pd come una «drammatica insurrezione».

Per approfondimenti visita L’Unità

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale