Piazza Affari: che seduta!!!

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Seduta frizzante per la Borsa milanese

Il comparto bancario torna sugli scudi, ma il miglior titolo del giorno è Telecom, si conferma Saipem e rimbalzano Mediaset ed A2A.

La Borsa milanese parte bene e finisce meglio, una cavalcata senza intoppi fino al fixing, una seduta che nessuno si aspettava, e così il nostro indice principale ha surclassato gli omologhi europei il cui rialzo è risultato mediamente di mezzo punto percentuale.

E’ partita bene anche Wall Street, ma non è certo per la Borsa americana che il nostro Ftse Mib (+2,27%) ha messo a segno una simile performance, visto che fin dai primi minuti di contrattazione erano affluiti sui book dei nostri titoli più capitalizzati soltanto ordini di acquisto.

Liquidiamo subito i ribassi, solo due titoli infatti hanno terminato le contrattazioni ad un livello inferiore rispetto a quello della vigilia, si tratta di Cnh Ind. (-1,27%) che prosegue la fase ribassista in atto ormai da un mese e Pirelli (-0,29%) che chiude sul massimo di giornata, ma, per la quarta volta nelle ultime cinque sedute, con un segno meno.

Ed ora ecco i fuochi d’artificio.

Cominciamo con Telecom Italia (+6,12%) che dopo aver dato un timido segnale di ripresa nella seduta di ieri si proietta nuovamente verso quota 0,75 euro, un livello che il titolo non tocca in chiusura da un anno a questa parte.

Inverte assolutamente il trend in atto anche Unicredit (+5,01%) che mette a segno uno splendido “pieno” (minimo in apertura e massimo in chiusura), dando un importante contributo alla performance del nostro indice principale.

Seduta analoga per BpM (+4,98%) di nuovo in prossimità di quota mezzo euro.

Dopo essere stato il miglior titolo per tutta la mattinata, con performances intraday che hanno sfiorato gli otto punti percentuale, si deve “accontentare” di un rialzo simile a quello della vigilia Saipem (+4,97%) che termina comunque sopra quota 17 euro per la prima volta dal celebre crollo del 17 giugno scorso.

Gran rimbalzo anche per Banco Popolare (+4,62%) e Mediaset (+4,54%) che riparte di nuovo verso l’obiettivo 4 euro.

Forse però la palma di titolo del giorno spetta a Ubi Banca (+4,11%) tornato su quotazioni che non vedeva dal 31 maggio 2011!!!

Sempre a proposito di rimbalzi, da segnalare A2A (+3,94%) che si riprende dopo tre ribassi (nelle ultime quattro sedute) che avevano minato il trend rialzista in essere dall’inizio del mese di marzo.

Nuovamente in prossimità dei loro massimi dell’anno Intesa Sanpaolo (+3,53%) e Finmeccanica (+3,34%).

Ed infine da segnalare (finalmente!) la buona seduta di Stmicroelectronics (+3,33%), ci vogliono certamente delle conferme prima di iniziare a parlare di un’inversione di trend, ma oggi è stata una seduta molto importante.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale