Piazza Affari continua la sua ascesa

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Ftse Mib (+0,31%)

In calo i titoli della galassia Agnelli, ma Exor ritocca il proprio record storico. Sgomma Pirelli dopo la trimestrale, bene bancari e petroliferi.

La situazione politica del nostro Paese, almeno per il momento, non sembra influenzare la Borsa milanese, oggi abbiamo avuto dei “su e giù”, ma alla fine a prevalere sono stati ancora una volta gli acquisti.

Anche nell’odierna seduta sono stati i soliti due comparti a dare “energia” al nostro indice di riferimento, i bancari ed i petroliferi, e fra i titoli bancari sono sempre le Popolari a mettersi in maggior evidenza.

Ubi Banca (+1,71%) sale sul gradino più basso del podio col miglior fixing dell’anno (4,4 euro). Ma guadagnano oltre un punto percentuale anche Banco Bpm (+1,17%) che recupera quota 3 euro e Bper Banca (+1,14%) che non vedeva questi livelli (5,148 euro) da oltre un anno.

Intesa Sanpaolo (+0,89%) sembra aver ritrovato vigore dopo alcune sedute di assestamento. Oggi gli acquisti hanno premiato anche Unicredit (+0,28%), mentre è stata la volta di Mediobanca (-0,72%) a dover terminare in controtendenza.

Bene, come abbiamo anticipato, anche i petroliferi, fin dalle prime battute gli acquisti hanno premiato in particolare Saipem (+2,44%), più modesto il guadagno di Tenaris (+0,46%), ma come ovvio tutti gli occhi erano puntati su Eni (+0,53%) che non ha deluso, quinto miglior fixing della storia dopo quelli fatti registrare nei primi quattro giorni del luglio 2014.

Va segnalato poi il best performer di giornata: Pirelli (+4,34%). La trimestrale non ha deluso (e qualcuno lo sapeva già ieri). Il segno più, tornato davanti alla voce “risultato netto” ha indotto molti analisti a migliorare le stime per l’anno in corso.

Sul fondo troviamo invece UnipolSai (-1,92%), dopo una serie infinita di rialzi il titolo aveva cercato un livello sul quale consolidare i guadagni, oggi è arrivato questo ribasso inaspettato, ma la chiusura distante dai minimi di giornata fa prevedere un periodo di assestamento.

Un discorso che potremmo estendere anche alla galassia Agnelli, nonostante i cali di Ferrari (-0,57%), Fiat Chrysler (-0,54%) e Cnh Ind. (-0,48%), infatti, Exor (+1,18%) riesce a ritoccare nuovamente il proprio record storico facendo segnare al fixing 65,42 euro.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale