Piazza Affari poco mossa, va bene così!

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Francoforte la peggiore

Continua la risalita di Pirelli. Sul podio salgono anche Recordati e Telecom Italia. Sul fondo Fiat Chrysler dopo la trimestrale, male anche A2A. 

BTP decennali al 3,36%. Si tratta di un rendimento tutto sommato apprezzabile nel giorno in cui l’Istat comunica un nulla di fatto per il nostro Pil nel terzo trimestre, risultato, anche se di poco, inferiore alle attese (+0,1%)

Le vendite arrivate proprio nell’asta di chiusura hanno portato il nostro indice principale, al termine della giornata, ad avere un segno meno davanti alla performance. Tuttavia la seduta odierna possiamo ritenerla … interlocutoria.

Poco mosse anche le altre Borse del Vecchio Continente, Londra (+0,1%) mantiene anche al fixing il segno più, mentre Parigi (-0,2%) e Francoforte (-0,4%) devono cedere ancora alle vendite. Sul Dax oggi ha pesato il crollo di Lufthansa (-8,1%), non è il tira e molla su Alitalia a pesare sulla performance, ma una trimestrale deludente. Il titolo crolla così a 17,31 euro, sui minimi da un anno e mezzo, ricordiamo inoltre che dall’inizio dell’anno sta perdendo il 41,8%!!! Peggio solo Deutsche Bank (-46,1%).

Ma torniamo al nostro Ftse Mib (-0,22%). Svetta anche nell’odierna seduta Pirelli (+2,96%) giunta al quarto rialzo di fila, per azzerare le perdite da inizio anno la strada è ancora lunga, ma sembra proprio che il peggio sia ormai definitivamente alle spalle.

Bene Recordati (+2,08%), anche la nostra azienda farmaceutica pare proprio poter imboccare la strada della risalita, quota 29 euro dovrebbe esser stato un livello di ripartenza.

Chi poi ha l’assoluta necessità di ritrovare la fiducia del mercato è Telecom Italia (+2,02%), l’ottava è partita bene, ma necessita di conferme.

Contrastato il comparto bancario (è già una buona notizia), positive Banco BPM (+1,66%), Ubi Banca (+0,41%) e Mediobanca (+0,26%), in rosso le altre, ma i ribassi sono stati davvero limitati: Unicredit (-0,68%), Bper Banca (-0,59%) ed Intesa (-0,23%).

Conferma infine il rimbalzo della vigilia Mediaset (+1,44%).

Maglia nera di giornata a Fiat Chrysler (-3,22%), alla società non è bastato annunciare un dividendo straordinario di 2 miliardi a seguito della cessione di Magneti Marelli, la trimestrale non ha convinto gli investitori che hanno preferito alleggerirsi.

Nuovo dietro-front di Poste Italiane (-2,21%) che “stecca” proprio quando era attesa ad una conferma, ora si riaprono scenari non proprio confortanti.

Contrastate infine anche le utilities, molto male A2A (-1,94%), in rosso anche Italgas (-0,70%), Terna (-0,31%) ed Enel (-0,30%), mentre conclude con un rialzo, il terzo nelle ultime quattro sedute, Snam Rete Gas (+0,85%).

Rimane per il momento in territorio positivo Wall Street, anche se ha ridotto i guadagni che faceva registrare ad inizio seduta, sul Nasdaq pesano in particolare i cali di Microsoft ed Amazon.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
SOLDI ALL'ESTERO? SIAMO SERI E FACCIAMO CHIAREZZA
Giornalisti la libertà di raccontare balle
BERLUSCONI VS SAVONA
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale