Piazza Affari ritrova fiducia. Vola Saipem

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Bene i titoli bancari

Vola Saipem dopo l’annuncio di due importanti commesse. Bene il settore bancario, in particolare con Ubi ed Intesa. Prese di profitto su Campari e Moncler.

Giornata positiva per il comparto bancario ed ecco che viene riscoperta anche la Borsa milanese. Piazza Affari non conosce mezze misure: o maglia nera … o maglia rosa.  Il nostro indice principale non termina sui massimi di giornata perché negli ultimi minuti di contrattazione e nell’asta di chiusura qualcuno ha voluto cautelarsi.

Contrastate le altre Piazze europee, Londra (-0,2%) ha visto prevalere le vendite, ricordiamo però che l’indice principale della Borsa britannica viaggia tutt’ora ben oltre quota 7.500 punti, un livello di assoluta eccellenza.

Positive invece Parigi (+0,5%) e Francoforte (+0,4%) oggi sostenuta dai rimbalzi di Commerzbank (+2,4%) e Deutsche Bank (+1,7%).

Come abbiamo anticipato è il settore bancario a sostenere il nostro Ftse Mib (+1,53%). Ubi Banca (+4,07%) aveva già dato alla vigilia un flebile segnale di ripresa, sembra quindi si possa ripetere quanto accaduto nello scorso mese di giugno (rimbalzo su quota 3,1 euro).

Rimbalzo secco per Intesa Sanpaolo (+3,39%) che ha dato il maggior contributo in termini di punti al nostro Ftse Mib. Per la Banca guidata da Carlo Messina una boccata d’ossigeno davvero vitale.

Da segnalare inoltre il rimbalzo di altri due titoli che venivano da un momento non certo brillante come Poste Italiane (+3,17%) e Prysmian (+3,01%). Acquisti anche su Atlantia (+2,52%).

La palma di titolo del giorno, tuttavia, spetta di diritto a Saipem (+6,97%), la notizia di nuove commesse ha messo le ali alla società ingegneristica italiana. Si parla di ordini per 700 milioni di dollari.

Inevitabili, in una simile seduta, le prese di profitto su Campari (-1,61%) e Moncler (-0,97%). Ancora un segno meno per Salvatore Ferragamo (-0,23%).

Ennesima giornata positiva a Wall Street, in questo momento sale di nuovo Dow Jones (+0,4%), ma l’attenzione è tutta sullo S&P500 (+0,5%) ed il Nasdaq (+0,8%) entrambi in prossimità dei loro record storici.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale