Piazza Affari di nuovo in rosso

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Ennesima delusione per la Borsa italiana

Se escludiamo MPS tutti i titoli del comparto bancario han fatto segnare un ribasso. Male anche gli assicurativi. Salgono i petroliferi.

Ci risiamo, la Borsa milanese non riesce a risollevarsi, mentre Londra, Parigi e Francoforte terminano la seduta con un moderato rialzo, il nostro indice principale finisce ancora sotto la linea della parità.

Un’attesa infinita, dopo il crollo avuto nei primi due mesi dell’anno, infatti, abbiamo sperato invano che il Ftse Mib (-0,19%) recuperasse almeno parte delle perdite, ed invece ci ritroviamo tutt’ora su quel livello (16.500 punti) che possiamo definire “umiliante” per il nostro indice di riferimento.

Nell’anno in corso il Ftse Mib  sta registrando una performance agghiacciante (-22,8%), un ribasso dovuto quasi interamente al comparto bancario che anche oggi, con la sola eccezione di Banca MPS (+3,32%), ha visto tutti i titoli finire in rosso: Bper (-0,05%), Intesa Sanpaolo (-0,39%), Unicredit (-0,90%), Mediobanca (-1,02%), Ubi Banca (-1,15%), Banco Popolare (-2,01%), Banca Popolare di Milano (-2,24%).   

Ancora deboli gli assicurativi: Unipol (-1,50%), UnipolSai (-1,12%) e Generali (-0,44%).

Non si riprende Terna (-1,37%) e continua il trend negativo Azimut (-1,25%).

Contrastata la galassia Agnelli, qualche presa di profitto su Exor (-1,10%) e Cnh Ind. (-0,67%), ma ancora corposi rialzi per Fiat Chrysler (+1,74%) tornata sui massimi dello scorso aprile, e soprattutto ennesimo record storico per Ferrari (+2,26%) che termina sul massimo di giornata oltre quota 52 euro.

Dopo qualche fisiologica presa di profitto torna a salire Buzzi Unicem (+2,21%) di nuovo oltre quota 20 euro, un livello davvero straordinario.

Da segnalare anche i rialzi di Saipem (+1,11%) ed Italgas (+0,73%) che confermano la forza relativa mostrata in queste ultime sedute.

Come noto oggi Wall Street è chiusa in occasione della Festa del Ringraziamento, naturalmente però contrattano regolarmente i futures sui principali indici borsistici, ebbene, in questo momento quello sul Dow Jones sta testando quota 19.150 punti!!! Davvero incredibile.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale