Piazza Affari in stand-by, prevale la prudenza

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Vendite a Wall Street

Ancora giù i titoli del comparto bancario, sorreggono il Ftse Mib le utilities. Nuovo record storici per Enel, Poste italiane ed Hera.

Un più che frazionale segno più per il nostro indice di riferimento, ma è anche l’unico in Europa. A Wall Street, subito dopo l’apertura, avvenuta in territorio positivo, sono arrivati soltanto ordini di vendita, e le Borse del Vecchio Continente ne hanno immediatamente risentito.

Alla fine Londra (-0,5%) ha accusato il maggior ribasso, ma il segno meno si trova davanti anche alla performance del Dax (-0,3%) di Francoforte e del Cac (-0,0%) di Parigi.

Le nostre utilities hanno invece sorretto il Ftse Mib (+0,01%).

Best performer di giornata e nuovo record storico per Hera (+2,89%) che conclude la seduta a quota 3,704 euro, ma la multiutility bolognese non è stata la sola a ritoccare il proprio massimo assoluto.

Arrivano su livelli mai toccati in precedenza anche Poste Italiane (+2,09%), e soprattutto il colosso Enel (+1,45%).

Sale sul secondo gradino del podio di giornata Amplifon (+2,77%) che al fixing fa segnare 23 euro tondi tondi e consolida così la seconda posizione nella classifica dell’anno in corso (+65%).

A seguire ecco Terna (+2,54%) ora giunta di nuovo nei pressi del proprio massimo assoluto e Diasorin (+2,30%) il cui 2019 sarà ricordato a lungo dai propri azionisti.

Non potevano deludere neppure Snam Rete Gas (+2,26%), Italgas (+2,07%) ed A2A (+1,67%).

Ancora una giornata storta per i bancari, a lasciar sul terreno oltre un punto percentuale le popolari: Bper Banca (-1,51%), Banco BPM (-1,49%), Ubi Banca (-1,12%), più contenuti i ribassi di Unicredit (-0,82%) ed Intesa Sanpaolo (-0,49%), in solitaria controtendenza Mediobanca (+0,14%).

Sul fondo della classifica anche oggi un titolo della galassia Agnelli, si tratta di Fiat Chrysler (-2,03%), nessun rimbalzo per Juventus (-1,87%) e Finecobank (-1,74%).

Non si ferma inoltre il crollo di Tenaris (-1,44%) che conclude sul minimo di giornata il sesto ribasso di fila.

A Wall Street si susseguono le vendite, il Dow Jones lascia sul terreno in questo momento mezzo punto percentuale, ribassi ancora maggiori per lo S&P500 ed il Nasdaq.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
Posts not found. Pleae config this widget again!
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale