Piazza Affari: un’altra sbandata

Giancarlo Marcotti 1 Commento

Borse europee nella bufera

Rimbalzi per Yoox, Moncler, Autogrill e Wdf. In calo il comparto bancario con l’eccezione di Bper. Forti vendite su Prysmian, Pirelli ed il risparmio gestito.

La settimana è partita come peggio non poteva, due sedute ed un bilancio in rosso di 3 punti percentuali, tutti cercano di gettare acqua sul fuoco, ma per il momento il mercato vuole solo vendere.

Londra ha avuto un calo dell’1,4% ed è risultata la migliore del Vecchio Continente, il Dax di Francoforte ha lasciato sul terreno più di un punto e mezzo percentuale tornando sotto quota 9.600 punti, ma la maglia nera oggi spetta a Parigi con il Cac che è arrivato a perdere quasi due punti percentuali, vendite su tutti i fronti visto che nessuno dei quaranta titoli che compongono l’indice di riferimento della Borsa transalpina è riuscito ad evitare la freccia rossa, seduta “all red”.

Il Ftse Mib (-1,56%) ha continuato a scendere per tutta la mattinata, poi ha recuperato 200 punti (circa un punto percentuale), ma nell’ultima ora di contrattazione la debolezza degli indici statunitensi ha riportato le vendite sul nostro indice di riferimento e la chiusura è così arrivata in prossimità del minimo di giornata.

Non sono mancati però i rialzi, in qualche caso anche consistenti, come ad esempio Yoox (+3,39%) che rimbalza nuovamente dopo esser sceso sotto quota 18 euro.

Bene anche Moncler (+1,73%), anche in questo caso il rimbalzo era atteso dopo sei ribassi consecutivi che avevano riportato il titolo in area 11,5 euro.

A seguire il “duo” Autogrill (+1,67%) e World Duty Free (+0,96%) che cercano di mantenere gli attuali livelli. Cerca di mettere un freno alle vendite anche A2A (+0,45%) che arrivava da otto ribassi nelle ultime nove sedute.

Segnaliamo, soltanto perché si tratta dell’unica eccezione per quanto riguarda il comparto, il rialzo di Bper (+0,25%).

Per il resto il settore bancario ha visto solo cali seppur anche di una certa rilevanza, ecco il bilancio giornaliero: BpM (-3,36%), Banco Popolare (-2,59%), Unicredit (-2,32%), Banca MPS (-1,86%), Intesa Sanpaolo (-1,83%), Ubi Banca (-1,50%) e Mediobanca (-1,24%).

Seduta pesante per il comparto industriale, da segnalare l’ennesimo calo di Prysmian (-3,04%) il cui 2014 sta assumendo i contorni della disfatta, per trovare quotazioni così basse del titolo dobbiamo tornare al luglio dello scorso anno.

Terzo pesante calo anche per Pirelli (-2,88%) e non si vede alcun segnale di inversione del trend negativo.

In una giornata simile non potevano salvarsi i titoli del risparmio gestito, Mediolanum (-2,54%) ed Azimut (-2,48%) sono tornati entrambi sotto la quotazione media degli ultimi dodici mesi.

Ma se si parla di titoli in crisi non possiamo dimenticarci di Tod’s (-2,44%) che è nuovamente atterrato a quota 80 euro tondi tondi, siamo quindi di nuovo in prossimità dei minimi dell’anno.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro 

Articoli correlati

  • Max938

    E in questo giro non c’è nemmeno un dentifricio a migliorare l’aria ! Se l’Europa , o per essere più chiari gli azionisti cominciano a “mettere i remi in barca” credetemi tira una brutta aria . Se non tira l’economia nemmeno le azioni distribuiscono dividendi (cioè utili) e sono come le bolle di palude :
    quando scoppiano lasciano puzza di uova marce. Sarà allora veramente arrivato il momento buono
    per prendere tutti quelli che continuano a suggerire (agli altri) di tirarsi “su le maniche” a grossi calci
    nei grassi deretani e mandarli , come suggerivo per la Merkel, a “cagher” ! Avranno finalmente tutti gli Italiani (quelli veri ) il coraggio di fare una “rivoluzione” incruenta ma vera e pesante contro tutte
    le sanguisughe che ci stanno spolpando ?Se perfino un “migliorista” che finora non ha mai avuto il
    coraggio di abiurare le mefitiche dottrine mette in anticipo le vele al vento che sta per tirare per pararsi le vecchie natiche allora ho ragione nell’annusare la tempesta. Augurandomi sempre di sbagliare sarei anche contento di farmi dare del menagramo ! Auguroni caro Giancarlo.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale