Il prestito online soddisfa l’immediata richiesta di liquidità

Redazione Commenta per primo

Il web ha favorito una trasformazione ed una profonda evoluzione per quanto riguarda il settore dei finanziamenti. Sono nati, infatti, siti e piattaforme ove è possibile ricercare e trovare facilmente un prestito personale, con una particolare attenzione al tasso di interesse applicato.

Con il passare del tempo, si è registrato un notevole incremento delle richieste di prestiti personali, vale a dire piccole somme di denaro oppure importi contenuti.

Sempre maggiore è la richiesta di prestiti online che prevedono l’erogazione dell’importo in poche ore, massimo 48. La procedura per richiedere online il prestito è piuttosto semplice e veloce. Sarà, infatti, sufficiente inserire i requisiti di accesso del richiedente, il quale riceverà via mail la modulistica necessaria per l’avvio della pratica. Un vantaggio del web è la simulazione del prestito online, vale a dire un preventivo dettagliato ed esplicativo delle rate mensili ed il relativo ammontare delle spese che istruttoria che rientrano nella cifra finale della rata da versare all’ente erogatore.

 

Quali sono i requisiti per richiedere un prestito online?

 

Innanzitutto, è bene indicare quali siano i requisiti necessari per poter richiedere un prestito online.

Non vi sono sostanziali differenze con la documentazione richiesta per l’erogazione di un prestito tradizionale, se così vogliamo definirlo.

Tornando ai requisiti ed ai documenti necessari è necessario presentare una carta di identità in corso di validità, il codice fiscale ed un documento che attesti l’effettivo reddito come il CUD, la busta paga oppure il cedolino della pensione. È, altresì, consigliato al momento della richiesta non avere altri finanziamenti attivi e soprattutto non essere nella black list dei cattivi pagatori. Nel caso in cui venga meno anche solo uno dei succitati requisiti, la domanda potrebbe essere respinta.

Per quanto concerne i dipendenti pubblici e privati possono richiedere un prestito facilmente ricorrendo alla cessione del quinto dello stipendio.

 

Quali sono le tipologie di prestito?

 

Il prestito è la cessione di una somma di denaro ad una persona fisica, o altro soggetto economico, da parte di un istituto bancario oppure di un ente accreditato come la finanziaria che prevede un piano di rientro rateale mensile.

Le richieste di denaro si differenziano per natura, modalità e finalità. Quando si parla di prestiti personali online, la cui richiesta è avviata tramite web senza la necessità di recarsi fisicamente in filiale, ci si riferisce a richieste di denaro non finalizzate, ossia che concedono una somma di denaro pur senza una specifica destinazione di utilizzo.

Rientrano in questa categoria i prestiti auto, prestiti casa, prestiti arredamento ed il consolidamento debiti.

 

Come si calcola l’importo della rata?

 

Per effettuare il calcolo della rata del prestito, è indispensabile valutare alcuni fattori e parametri.

Grande importanza ha l’importo totale richiesto, ma altrettanto fondamentale è il tasso di interesse.

Tra le voci che non mancano mai quando si parla di prestiti vi sono gli acronimi TAN (Tasso Annuo Nominale) e TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale).

Si tratta dei tassi di interesse applicati dalla banca sull’importo richiesto. non sempre è facile comprendere quale sarà la cifra che si dovrà pagare per gli interessi, in quanto si ricalcola ogni anno. Il TAEG tiene conto, a tal proposito, non solo degli interessi ma anche di tutte le spese strettamente legate al prestito, quali gli interessi in senso stretto, le spese di istruttoria e le piccole somme da versare al saldo di ogni rata.

Pertanto, si potrebbe affermare che sono numerose le variabili da tenere in considerazione prima di richiedere un prestito personale. Si rende, quindi, fondamentale l’utilizzo di siti Internet e comparatori online al fine di comparare facilmente le proposte di più enti ed istituti.

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale