Renzi, se questo è un leader …

Redazione Commenta per primo

 

Sarebbe interessante stravolgere il modo di giudicare i leader della politica. Tipicamente, per delle logiche davvero malate, il giudizio sui politici è affidato a delle informazioni sempre più superficiali e si finisce per rinunciare ad un’analisi approfondita sui vari soggetti che sono andati alla ribalta delle cronache.

A causa di un’informazione, da parte dei media, superficiale e faziosa ed in questo includo quasi tutte le testate giornalistiche, si finisce per perdere di vista la scala di valori che conta davvero nella scelta di chi si merita di guidare il paese o una coalizione.

E’ lampante secondo me il fenomeno Renzi. Matteo è un normalissimo politico il quale, dopo gli studi ed una brevissima esperienza lavorativa nell’azienda della sua famiglia Chil SRL,(consultare Wikipedia o altri siti che riportano la sua biografia)ha fatto una rapida carriera politica, amici giusti, Margherita, PPI, Presidente della Provincia, Sindaco di Firenze ed ora accreditato per guidare il PD.

Un curriculum prima dell’ingresso in politica che non gli avrebbe di certo consentito nemmeno di trovare facilmente un lavoro.

Con un’abile campagna di marketing (per ironia della sorte la Chil era ed è oggi con un nome diverso una società di marketing) grazie al supporto di diversi media è riuscito a costruirsi inizialmente un’immagine, di grande leader, rottamatore, innovatore, l’uomo della Provvidenza di un partito che è tutto fuorché essere il partito che tutela i lavoratori. Ora però sta iniziando a fare i primi conti con gli elettori.

Se è vero che le persone vanno giudicate in base a quello che fanno, mi chiedo davvero dove risiedano queste abilità che possano rendere Matteo un leader di fatto e non solo di facciata. A mio modo di vedere le cose, essere leader, vuol dire ben altro.

Sono io intransigente o forse ne vale la pena mettere in discussione i nostri giudizi?

E’ indubbiamente molto bravo a comunicare, ma il paese vuole comunicatori o innovatori? Quando il paese dirà seriamente basta alle apparenze e guarderà davvero in faccia a chi sta governando il paese, potremo iniziare a costruirci il nostro futuro e a scegliere i leader sulla base dei fatti e non delle parole. E’ così difficile?

Se vuoi rimanere aggiornato sui miei post mi trovi su Facebook e su Twitter. (Davide Erba)

Per approfondimenti visita Il Giornale 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale