Riforma Pensioni: due proposte per anticipare la pensione nel 2015

Redazione 2 Commenti
L’ex Ministro del Lavoro rilancia due progetti per il 2015 che anticipano di alcuni anni l’età pensionabile. Sullo sfondo resta l’incognita Referendum indetto dalla Lega su cui si pronuncerà il 14 Gennaio la Consulta.

“C’è la possibilità di mettere mano alla Riforma Fornero”. A dirlo è ancora una volta l’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano dalla pagine del suo Blog supportato da un nutrito gruppo di parlamentari del Pd tra cui Maria Luisa Gnecchi.Il Presidente della Commissione Lavoro della Camera rilancia due proposte per introdurre un nuovo canale di uscita dal mondo dal lavoro, simile nei fatti, alla vecchia pensione di anzianità.

La prima, la cd. pensione flessibile, è quella di introdurre un meccanismo che permetta di lasciare il lavoro anche a 62 anni di età e 35 di contributi, sia pure con una penalità dell’8% che si riduce fino a azzerarsi se si va via al raggiungimento della normale età pensionabile, cioè 66 anni. Ma se si resta piu’ a lungo sul lavoro, cioè oltre i 66 anni, l’assegno crescerà sino all’8%. Il progetto prevede anche la possibilità di uscita a 41 anni di contribuzione a prescindere dall’età (abbassando di fatto gli attuali requisiti contributivi necessari per ottenere la pensione anticipata).

L’altra proposta, alternativa alla prima, è di reintrodurre le quote, come accadeva per la vecchia pensione di anzianità: la soglia verrebbe però fissata a quota 100 (come somma di età e contributi: 62 anni e 38 anni di contributi, 61 anni e 39 di contributi o anche 60 anni e 40 di contributi) ma non ci sarebbero penalizzazioni.

“Il Governo non può nuovamente eludere il problema” sostiene Damiano. “Ci lamentiamo dell’aumento dell’occupazione degli anziani e della diminuzione di quella dei giovani mentre, senza colpo ferire, dal 2016 l’aspettativa di vita aumenterà di altri 4 mesi. Per intenderci: da quella data si andrà in pensione di vecchiaia con 66 anni e 7 mesi e di anzianità con 42 e 10 mesi se uomini e 41 e 10 mesi se donne. Intanto, il 14 gennaio prossimo la Corte Costituzionale deciderà sul referendum promosso dalla Lega che si propone di abrogare la legge Fornero» conclude Damiano.

Fonte: http://www.pensionioggi.it

Articoli correlati

  • lude 52

    SE LA CORTE COSTITUZIONALE METTE I BASTONI TRA LE RUOTE QUESTA VOLTA SUCCEDE UN CASINO INFERNALE.

  • Roberto Bonadio

    lavoratori precoci : tutte buffonate quello che dicono!!
    Bastava
    dire chi ha iniziato a lavorare prima dei 18 anni può andare quando
    cavolo vuole con 40 anni di contributi , cosi se uno iniziava 14 anni
    andava a 54 , a 15 andava a 55, a 16 andava a 56 a 17 andava a 57 a 18
    andava a 58 … cosi non si FACEVA TORTO A NESSUNO! ANZI SI PREMIAVANO
    COLORO CHE HANNO INIZIATO A LAVORARE DA FANCIULLI! e che hanno mandato
    avanti la baracca a testa bassa ….Se mancano soldi (ma non credo , basta guardare quanto sequestrato ultimamente x mafia) , si puo sempre intervenire con una sensibile riduzione pensioni d’oro , eliminando le triple/doppie pensioni , le consulenze d’oro del governo le vergognose indennità parlamentari i doppi e tripli incarichi , pignoramenti ai prestanome..ecc.ecc…. tutte cose che qualche fanfarone doveva rottamare ma….. tra parlare e fare …poi è meglio perdere tempo cianciando e con falze manovrine di aggiustamenti intanto gli aspiranti pensionati muoiono e si risparmia , perchè le reversioni al 100% sono SOLO PER QUELLI DELLA CASTA !!

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale