Selex Es, gli esuberi sono 2.529. In Italia 22 sedi chiuse entro l’anno prossimo

Redazione Commenta per primo

 

Sono 2.529 gli esuberi di Selex Es, la newco che dal 1° gennaio di quest’anno riunisce tutte le attività dell’elettronica della difesa del gruppo Finmeccanica. Il dato è stato ufficializzato questa mattina all’Unione industriali di Roma, nell’ambito di un incontro sul piano industriale tra il management dell’azienda guidata da Fabrizio Giulianini e le delegazioni di Fiom, Fim e Uilm.

Delle 2.529 eccedenze a livello di gruppo, 1.938 si localizzano in Italia, suddivise in 1.098 lavoratori indiretti e 840 diretti. Nel dato degli esuberi italiani rientrano anche 810 posizioni già coperte da accordi di mobilità sottoscritti ai tempi delle Selex Elsag, Galileo e Sistemi Integrati, i tre soggetti confluiti in Selex Es. Confermato il taglio di 120 manager da realizzare in tre anni. L’azienda ha annunciato anche l’intenzione di procedere a una razionalizzazione dei siti produttivi: entro il 2014 qui in Italia si passerà da 48 a 26 sedi, mentre in Gran Bretagna gli stabilimenti scenderanno da 16 a dieci.

Il management ha proposto di gestire le eccedenze attraverso mobilità finalizzata alla pensione, cigs a zero ore per gli indiretti e per i diretti che hanno i requisiti per mobilità o pensione, nonché cigs a zero ore per chiusure collettive per diretti e indiretti. Il piano consentirebbe economie per complessvi 18 milioni e metterebbe l’azienda in condizione conseguire crescita del portafoglio ordini, balzo del fatturato a oltre 4 miliardi, incremento della redditività al 10%, maggiore cash flow, riduzione dei costi di struttura dal 5,2% al 3,8% e riduzione del rapporto diretti/indiretti passando dall’attuale 75-25% al 70-30%.

Lo scenario di partenza è complesso: Selex Es fa i conti con i cali di portafoglio ordini, Ebit e Cash Flow. La congiuntura non è delle migliori: il mercato di riferimento subisce i contraccolpi degli tagli alla difesa degli Usa, tanto che da qui a dieci anni dovrebbe crescere soltanto del 2,8 per cento. Per stare in piedi tocca puntare sui cosiddetti clienti “escort” (i Paesi emergenti), razionalizzando il proprio catalogo: Selex Es intende passare dagli attuali 550 a quota 350 prodotti, facendo crescere quelli innovativi. Necessaria la riorganizzazione: si è partiti dai manager, con il recente accordo sui 120 esuberi da smaltire in tre anni, ma il nuovo capitolo riguarda i dipendenti che oggi sono in totale 17.700.

Per approfondimenti visita: http://www.ilsole24ore.com

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale