SRI LANKA : IL MASSACRO CONTINUA . I COMMENTI DELLA STAMPA INTERNAZIONALE .

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Bambini tamil in un campo di Chettikulam, Sri Lanka (Pedro Ugarte, Afp)

Per le Nazioni Unite gli attacchi dell’esercito singalese contro le Tigri tamil sono stati "un bagno di sangue". Centinaia di civili sono stati uccisi nei combattimenti tra le forze governative e i ribelli delle Tigri tamil. Il personale sanitario governativo ha denunciato che almeno 340 persone, ma forse più di mille, sono state uccise nella regione a nord del paese, teatro delle operazioni militari.

Le Nazioni Unite hanno definito gli attacchi "un bagno di sangue", denunciando l’uccisione di più di cento bambini. Il Guardian riporta l’accusa del dottor V. Shanmugarajah, che parla di centinaia di corpi portati all’ospedale. "Ma la conta dei morti è destinata a crescere", ha detto il dottore, "perché molti sono gravemente feriti e i sopravvissuti seppelliscono direttamente i propri morti". Secondo la ricostruzione del quotidiano britannico, "il governo aveva ordinato alle decine di migliaia di civili residenti nella zona dei combattimenti di spostarsi in una piccola area sicura, per poter stanare i ribelli sopravvissuti senza colpire la popolazione civile. Secondo le fonti delle Nazioni Unite, la maggior parte delle persone uccise si trovava all’interno della zona sicura". Il governo e i ribelli si accusano a vicenda della strage.

"Un sito vicino alle Tigri tamil ha incolpato il governo dell’attacco", riferisce il quotidiano The Times of India. "I militari, al contrario, accusano i ribelli, ormai in difficoltà, di colpire il loro stesso territorio per conquistare la simpatia internazionale e imporre una tregua". Non è chiaro il numero dei civili ancora intrappolato nella zona dei combattimenti, ma la loro situazione è disperata.

Il New York Times riporta le testimonianze di chi è riuscito a scappare: "Non ci sono quasi più cibo né acqua potabile. I civili si riparano in rifugi di fortuna." Secondo le fonti militari citate dal quotidiano statunitense "nella sola giornata di domenica, circa 700 civili sono scappati dalla zona degli scontri". "È difficile verificare la situazione", conclude il New York Times, "perché il governo vieta ai giornalisti di avvicinarsi alla zona dei combattimenti e di visitare i campi profughi".

"Dalla fine di gennaio, quando è cominciata l’offensiva delle forze armate contro i ribelli tamil, circa 6.500 persone sono state uccise e 14mila ferite", scrive Le Monde. "Le Nazioni Unite hanno calcolato che in quattro mesi circa 200mila persone sono scappate dai combattimenti e si sono rifugiate nei campi profughi del nord, dove l’accesso alla stampa è fortemente limitato". Dopo decenni di violenze, il governo singalese è convinto che i ribelli tamil, rinchiusi in una striscia di terra di quattro chilometri quadrati, saranno definitivamente sconfitti. ( Fonte: Internazionale)

Redazioneonline- Stampa Internazionale 

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale