Stavolta è Piazza Affari la peggiore

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Titoli bancari in calo

Salgono Juventus, Leonardo, Diasorin, Buzzi, Finecobank e Telecom. Sprofonda Stmicroelectronics. Giù i bancari con l’eccezione di Intesa e Mediobanca.

Mentre la seduta per i principali listini di Borsa europei si è svolta praticamente per intero al di sopra della linea della parità, a Piazza Affari siamo sempre stati in territorio negativo.

Al fixing il segno meno ha intaccato anche il Cac (-0,1%) di Parigi, si è salvato di un soffio il Dax (+0,1%) di Francoforte, mentre ha messo a segno un buon rialzo il Ftse100 (+0,6%) di Londra.

Purtroppo, come anticipato, il nostro Ftse Mib (-0,53%) ha visto prevalere nettamente le vendite.

Dopo l’ottima seduta della vigilia il comparto bancario ha subito immediatamente una battuta d’arresto, nonostante Intesa Sanpaolo (+0,19%) e soprattutto Mediobanca (+1,10%) siano andate in controtendenza. Decisamente più pesanti a cali di Banco BPM (-2,33%), Unicredit (-1,89%), Ubi Banca (-0,98%) e Bper Banca (-0,41%).

La “colpa” è di Deutsche Bank, secondo il Financial Times (che su queste cose è ben informato) il colosso tedesco starebbe studiando una ricapitalizzazione da 10 miliardi, il titolo a Francoforte è sceso del 3,4% vanificando così il rimbalzo della vigilia.

Dopo la batosta di ieri rimane sul fondo della classifica anche oggi Stmicroelectronics (-3,52%) sceso sotto quota 13 euro, lascia sul terreno oltre tre punti percentuali anche Recordati (-3,46%).

Dopo tre sedute rialziste tornano le vendite su Fiat Chrysler (-2,03%) che lascia così lo scettro di miglior titolo dell’ottava a Campari (+0,51%) che nelle quattro sedute concluse nella settimana ha guadagnato quasi quattro punti percentuali (+3,9%).

Best performer di giornata Juventus (+1,79%), mentre sugli altri due gradini del podio sono saliti Leonardo (+1,48%) e Diasorin (+1,30%).

Han guadagnato oltre un punto percentuale anche Buzzi Unicem (+1,05%), Finecobank (+1,05%) e Telecom Italia (+1,01%).

Oggi nessun titolo ha ritoccato il proprio record storico, è quasi una notizia, anche se un paio lo hanno sfiorato: Snam Rete Gas (+0,50%) ed Italgas (+0,48%).

Al momento Wall Street viaggia in territorio positivo, anche se i principali indici di Borsa a stelle e strisce fanno registrare rialzi molto contenuti.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale