• Oettinger, emblema di un’Europa in disfacimento
    Giancarlo Marcotti Commenta per primo

    Günther Oettinger, il tedesco, Commissario europeo al bilancio ed alle risorse umane, ha la mente completamente ottenebrata dalle continue batoste che il suo partito di appartenenza, la CDU di Angela Merkel, continua a prendere, ormai da anni, ad ogni tornata elettorale (e tra una decina di giorni toccherà all’Assia dargli l’ennesima legnata). Forse però è sempre stato uno squilibrato

    Continua ...
  • Perché Draghi ha un problema serio. Europa ad un bivio
    Giancarlo Marcotti Commenta per primo

    Doveva essere una riunione “di routine”, insomma una cosa che nel gergo dei grandi giri ciclistici viene denominata come “tappa di trasferimento”, ma quella odierna rischia invece di diventare una riunione problematica per Mario Draghi e la sua Bce. Il problema è sempre quello, il Quantitative easing, o meglio l’avvio del cosiddetto tapering, ossia del programma di riduzione

    Continua ...
  • Un anno di Borsa a Piazza Affari
    Giancarlo Marcotti 2 Commenti

    Fine anno, tempo di bilanci. Per la Borsa italiana il 2015 è risultato senza dubbio un anno positivo, il nostro indice di riferimento, il Ftse Mib (+12,66%) dopo un 2014 terminato praticamente piatto ha messo a segno un rialzo a doppia cifra e ricordiamo che l’indice non incorpora i dividendi distribuiti, per cui il guadagno medio effettivo per gli investitori è stato ancora superiore. Il

    Continua ...
  • Mediaset: tagliare i costi si può (quando si è privati)
    Redazione Commenta per primo

    Mediaset dimostra che, quando si è privati, tagliare i costi, si può, e si deve, nel pubblico invece, chissà perché, non ci si riesce mai. L'azienda del Biscione non è esente dalla crisi, i ricavi sono in contrazione, con la crisi economica che stiamo vivendo la raccolta pubblicitaria non può far altro che contrarsi ed allora occorre “razionalizzare” i costi e migliorare

    Continua ...
  • M5S denuncia trucchi contabili nel bilancio 2013 del Senato
    Redazione Commenta per primo

    "E’ mio dovere denunciare il fatto che il bilancio 2013 nasconde la realtà, poiché il vero ammontare delle spese del Senato per il 2013 non è di 541.500.000 euro ma di 561.800.000 euro. E’ lampante che la sbandierata riduzione di spesa sia frutto di un espediente contabile che di fatto ha spostato spese ed entrate fuori dal bilancio, dati che normalmente sono inseriti all'interno". Lo

    Continua ...
  • Adidas segnalata in fuorigioco
    Redazione Commenta per primo

    Crescita del fatturato e miglioramento dei margini di profitto hanno fatto salire il valore delle azioni del 40%. Il mercato sopravvaluta fortemente il titolo e la raccomandazione dei nostri analisti è quella di vendere.  Adidas (ADS) corre in scia ai dati di bilancio, ma per gli investitori il tempo è già scaduto. Negli ultimi anni il gruppo tedesco ha registrato una crescita del

    Continua ...
  • Mediaset, utile netto primo trimestre -7,9%, ricavi -15%
    Redazione Commenta per primo

    Mediaset ha comunicato oggi che nel primo trimestre del 2013 il suo utile netto è calato del 7,9% a €9,3 milioni. Sui conti dell'operatore televisivo ha pesato la debole domanda sul mercato pubblicitario. I ricavi sono scesi del 15% a €831,6 milioni. L'Ebit è invece aumentato del 38,7% a €53,4 milioni. L'aumento è stato dovuto alle importanti azioni di efficienza lanciate da

    Continua ...
  • Marchionne: “Rispetteremo impegno con l’Italia”, bilancio Fiat in pareggio nel 2016
    Redazione Commenta per primo

    Il gruppo Fiat potrà raggiungere entro il 2015-2016 il pareggio di bilancio "anche in Europa".   Lo ha affermato l'a.d. Sergio Marchionne durante l'assemblea.   La condizione, ha detto, è l'esecuzione del progetto che prevede di sfruttare la sovracapacità produttiva nel vecchio continente per sviluppare i marchi Alfa Romeo, Maserati e Jeep e i modelli chiave del brand Fiat. MARCHIONNE,

    Continua ...
  • UniCredit: accantonamenti pesano su 2012, torna cedola, rivedrà piano
    Redazione Commenta per primo

    UniCredit archivia il 2012 con pesanti accantonamenti su crediti che portano il quarto trimestre in rosso per 553 milioni e si ripromette di rivedere le proiezioni finanziarie del piano industriale "in considerazione delle eccezionali difficoltà del contesto macroeconomico". La buona notizia sta nel ritorno al dividendo che sarà di 9 cent per azione con utilizzo di riserve da profitto. La

    Continua ...
Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale