• Che bello! Siamo in deflazione
    Giancarlo Marcotti 1 Commento

    I prezzi scendono, cosa volete di più? Ci siamo lagnati per decenni dell’inflazione, spero proprio che non vi lamentiate ora per la deflazione. Stiamo parlando di deflazione, ossia del contrario dell’inflazione, cioè i prezzi, mediamente, scendono, quindi il vostro stipendio è come se aumentasse perché con gli stessi soldi potete comprare più cose. Cosa c’è di

    Continua ...
  • Italiani, un popolo di sfaticati?
    Giancarlo Marcotti 1 Commento

    Nelle diverse statistiche divulgate giornalmente dall’Istat, l’Italia spesso occupa le ultime posizioni, siamo quasi rassegnati nel ritrovarci in fondo alle varie classifiche, ma non possiamo non allarmarci quando veniamo a conoscenza di studi come quello pubblicato ieri. L’Istituto Centrale di Statistica ha infatti diffuso un accurato studio sulla produttività del lavoro che contempla

    Continua ...
  • Conti pubblici: c’è da fidarsi?
    Giancarlo Marcotti 2 Commenti

    I conti pubblici, come tutti sappiamo, sono di importanza vitale, spesso, per non dire sempre, hanno determinato l’esito elettorale quindi è necessario che gli organismi preposti al loro calcolo siano assolutamente indipendenti dal potere politico. In Italia, fondamentalmente, sono due gli “Istituti pubblici” preposti a raccogliere, elaborare e pubblicare dati riguardanti la

    Continua ...
  • Il Jobs Act dà i suoi frutti: disoccupazione in aumento (+0,2%)
    Giancarlo Marcotti Commenta per primo

    Non importa se la disoccupazione sale, se il 43% dei giovani è senza lavoro, l’importante è far passare l’Italicum a colpi di fiducia, questo importa a Renzi, altro che il bene dell’Italia!!! Questi i numeri, comunicati oggi dall’Istat, che definirei agghiaccianti: a marzo il tasso di disoccupazione è salito al 13% (+0,2%), in termini numerici si tratta di 52.000 disoccupati in più

    Continua ...
  • Renzi, proprio un bel Def (iciente)
    Giancarlo Marcotti 2 Commenti

    Avevo da poco pubblicato l’articolo “La truffa degli 80 euro” che concludevo con queste parole “Ribadirò sempre che Renzi, più che per l’impoverimento dell’Italia, dovrebbe essere condannato per la continua ed imperitura presa per i fondelli nei confronti di tutti noi. Venir derubati è detestabile, ma essere trattati da allocchi è semplicemente insopportabile.”,  ed ecco che il

    Continua ...
  • Il cuneo fiscale sfiora il 50%
    Redazione Commenta per primo

    Il fisco dimezza gli stipendi dei lavoratori. Nel 2012 il costo medio del lavoro dipendente, al lordo delle imposte e dei contributi sociali, è di 30.953 euro all'anno, mentre il lavoratore ha percepito una retribuzione netta pari a poco più della metà (il 53,3%), per un importo medio pari a 16.498 euro. Il reddito medio da lavoro autonomo, al lordo delle imposte e dei contributi sociali, è

    Continua ...
  • Disoccupazione: a novembre nuovo record
    Redazione Commenta per primo

    Tasso di disoccupazione record a novembre. Secondo i dati diffusi oggi dall'Istat, il valore è pari al 13,4%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto a ottobre e di 0,9 punti su base annua. Preoccupa il tasso di disoccupazione giovanile che, nella fascia di età compresa tra 15 e 24 anni è pari al 43,9%, in aumento di 0,6 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 2,4 punti nel

    Continua ...
  • Nel Pil c’è il nostro pane … ed il debito ce lo mangia
    Giancarlo Marcotti 4 Commenti

    Ciò che forse sfugge agli italiani che sono ferocemente tartassati e che da anni stanno facendo sacrifici immani, è che nel contempo il debito pubblico continua ad aumentare. La domanda da porsi, quindi, è: Quali sacrifici dovrebbero fare per cominciare a vedere diminuire il debito pubblico? La politica dà una risposta di questo tipo: non è tanto l’ammontare del debito che

    Continua ...
  • Diminuisce la pressione fiscale? Una disinformazione scandalosa!
    Giancarlo Marcotti 2 Commenti

    Qualcuno potrà dirmi “Perché dott. Marcotti? Perché si stupisce ancora? Perché riesce ancora ad indignarsi?”. Ed in effetti sarebbero domande non solo lecite, ma logiche e razionali. Ebbene una risposta certa non ce l’ho, forse amo troppo il mio Paese, sono troppo orgoglioso di essere italiano, non so, di certo c’è che non riesco a rassegnarmi, non posso accettare che l’Italia

    Continua ...
  • Italia: previsioni sul Pil riviste al ribasso (ma che strano!)
    Giancarlo Marcotti 1 Commento

    Faccio riferimento a voi lettori, magari qualcuno ha la memoria più lunga della mia, ma vi ricordate una volta in cui le previsioni sul Pil del nostro Paese siano state riviste al rialzo? Io onestamente no! Forse bisogna tornare agli anni ’60. Centinaia e centinaia di previsioni, soprattutto in questi ultimi sette anni, sempre sbagliate e sempre in una direzione (ossia sopravvalutate), non

    Continua ...
Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale